Permettermi di sbagliare

Cosa ha significato per me partecipare allo stage di teatro in campagna CREARE con L’IMPREVISTO:

concedermi la libertà di provare a essere me stessa

vincere delle barriere importanti, la paura del contatto con l’altro, toccare un compagno, una compagna che non conoscevo, vincere la paura dell’invasione del proprio spazio

sentire l’emozione del momento e porgerla al tuo interlocutore per attendere la sua reazione, capire il tempo di cogliere l’incontro, le infinite possibilità, la facoltà di non coglierla affatto

capire che c’è un momento spontaneo perfetto e un altro che non lo è

incontrare lo sguardo dell’altro per far nascere l’imprevisto, l’imprevisto che non deve spaventarci ma stupirci per non perdere mai l’incontro che ci unisce se pur solo di quell’unico istante… è inspiegabile quanto sia bello scoprire e scoprirci, nello sguardo che rappresenta il tutto di un legame spontaneo in evoluzione continua, si crea perciò una relazione che è magica se le permetterai di sconvolgerti

perché non esiste vergogna, non esiste limite uomo/donna, esiste solo l’emozione e la semplicità di una complicità che ti scopre più consapevole

fidarsi del prossimo correndogli incontro, accogliendolo, permettendogli anche di sbagliare, osservarlo, sentirlo, staccare la mente per agire, semplificando, provando, lanciandosi andare, emozionarsi…

un susseguirsi di esercizi mai banali mai scontati, rapporti unici ed imprevedibili impensabili perché ogni relazione scaturisce così sul momento e non sai mai fino in fondo cosa accadrà fino a che non le darai la possibilità di esserci, di esistere

ogni persona è unica con il suo modo di sentire e di reagire, chissà quindi cosa può scaturire… intrecci, sradicamenti, l’imprevisto fa parte della vita e saperlo affrontare fa la differenza!

Per questo amo il teatro di Officina Teatro ‘O, perché con umiltà e con elegante delicatezza mi permette sempre di crescere come persona nuova e migliore.

 

S.

 

Presentazione Corsi

Mercoledì 2 ottobre ore 21,30

NEWSTAZ via Attavante 5, Firenze

 

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

email: info@teatroo.it – telefoni 3282793144 – 3393318580

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Sito: www.teatroo.it

stage di teatro CREARE con L’IMPREVISTO – 14/15 settembre

Due giorni di teatro immersi nella natura.

LO STAGE

Creare con l’imprevisto. Nella vita l’imprevisto può capitare e noi non possiamo farci nulla. In teatro è assai prezioso imparare ad accogliere, gestire e sfruttare l’inaspettato. Prezioso e di grande soddisfazione. Impareremo che attraverso l’inaspettato possiamo sviluppare strategie comportamentali, meccanismi e modalità espressive inusuali.

Saper affrontare gli imprevisti è forse una dote innata? No, al contrario, si può imparare.

L’elasticità è una dote che si può apprendere attivando controtendenze utili al proprio sviluppo artistico e creativo. Passare dal circuito vizioso della paura a quello virtuoso del piacere della creazione.

Quando il controllo non è nostro alleato, ma diventa la nostra ossessione, occorre imparare a lasciarsi andare a ciò che accade, mantenendo solo la consapevolezza del qui ed ora.

DOVE

Lo stage, condotto da Paolo Papini e Leonardo Torrini della Officina Teatro ‘O, prevede due giornate di attività presso una antica pieve nella campagna aretina ad un’ora da Firenze. Due giorni di teatro immersi nella natura.

Saremo ospiti in una antica pieve in provincia di Arezzo sulla via Francigena ad un’ora circa di distanza da Firenze, un ambiente protetto e a contatto con la natura.

QUANDO

Lo stage si svolgerà nei giorni di sabato 14 e domenica 15 settembre.

Il rifugio sarà in uso esclusivo per i partecipanti.

L’iscrizione comprende:

quattro sessioni di lavoro nei due giorni

un pernottamento presso la pieve

due pranzi

una colazione

una cena

 

Lo stage è a numero chiuso

ULTIMO POSTO RIMASTO

 

 

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

email: info@teatroo.it – telefoni 3282793144 – 3393318580

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Sito: www.teatroo.it

Perché non ho partecipato prima?! Esperienze di uno Stage di Teatro

IMG_6696

Partecipare allo stage della Officina Teatro ‘O si è rivelato una di quelle cure a efficacia cento per cento. Divertimento totale, emozione profonde, messa alla prova, senza trascurare tutti gli aspetti tecnici interessanti… gli effetti si sono visti su tutti i partecipanti! Tutti sono risultati ‘liberi’, tutti sono usciti dal quotidiano esprimersi… ciò è stato evidente soprattutto quando poi recitavamo, ho visto gli altri così espressivi, mai banali, quasi geniali…
Lo stare insieme, l’esperienza della ricerca espressiva, il fuori ordinario weekend, hanno reso ancora un po’ più difficile il lunedì… volevo di nuovo l’adrenalina dello stage!

Samantha

Gratificata e contenta. Così la stanchezza davvero non l’ho sentita oggi a lavoro, né la sento adesso. Un’esperienza intensa, formativa, emozionante, bella. Una nuova e insolita consapevolezza di te stesso, del tuo corpo e delle tue emozioni. La voglia di esprimere ed esprimersi. La consapevolezza che abbiamo i mezzi per farlo e non li usiamo perché dimentichiamo di averli… o forse neppure ce ne accorgiamo. La inaspettata libertà di prendersi cura di se stessi attraverso il teatro! Inizio a capire meglio quanto il teatro sia dare e quanto noi invece siamo abituati a chiedere.

Tiberia

Comincerei proprio dal rientro. Soddisfazione, pienezza, gioia. Sono solo alcune delle sensazioni che avevo dentro quando sono andato a letto. La cosa ancora più bella è che il giorno dopo al risveglio erano ancora lì a farmi apprezzare la vita.
Lo stage è stato bellissimo. Ho visto me stesso e gli altri mettere in pratica le cose imparate durante l’anno di corso e durante lo stage stesso, con una naturalezza impressionante.
La creatività tirata fuori da tutti mi ha emozionato e mi ha fatto riflettere su quante cose belle ci sono in ognuno di noi e su quanto il teatro sia uno strumento meraviglioso. Mi sono anche chiesto come sia possibile che abbia aspettato tutti questi anni per farlo. Ma ogni cosa ha il suo tempo.
Poi che dire del resto.
Gli insegnanti della Officina Teatro ‘O sono stati magnifici, ci hanno condotto in luoghi fantastici, a volte immaginari a volte concreti e profondi. Il gruppo era splendido, siamo tornati tutti bambini e abbiamo giocato al gioco della finzione divertendoci da morire. Questo si percepiva nell’aria. C’era una atmosfera di gioco e di gioia. Di complicità. C’era passione in voi maestri ed in noi.
Per tutto questo vi ringrazio.

Pietro

IMG_6593
Sono rientrata nella routine con un’energia che non avevo da tempo. Essermi presa cura di me mi ha riempito di voglia di dare agli altri e voi sapete quanto viene chiesto dalla vita ad ognuno di noi. Sono stati due giorni intensi, fisicamente, soprattutto emotivamente… ma rifarei tutto subito! Grazie per tutto e per avermi fatto sentire di nuovo me stessa.

Liza

stage di teatro L’ATTORE e gli STRUMENTI IMPERFETTI – 16/17 settembre

 

Due giorni immersi nella natura da dedicare alla propria creatività conoscendo altre persone unite dalla stessa passione. Due intense giornate dedicate al teatro, a se stessi e ai nostri strumenti imperfetti.

LO STAGE

L’attore usa il proprio corpo e la propria voce per emozionare, vivere e narrare storie. Non può recitare ed esprimersi attraverso atti ripetitivi ed abitudinari, non può creare senza sbagliare.

Errori ed imperfezioni sono strumenti fondamentali della scoperta. Parola, suono e movimenti imperfetti, adeguatamente condotti, possono stimolare l’immaginazione dell’attore. Uscire dai facili e sicuri meccanismi delle abitudini è il solo modo per vivere appieno il senso della creazione, l’unica via per arrivare allo spettatore in modo sincero e potersi esprimere pienamente.

La creazione è un sentiero imprevedibile, pieno di incertezze e scoperte ed è possibile sfruttare le resistenze, riparare e ripartire dagli errori, sfruttare le nostre personali ambiguità.

Due intense giornate dedicate al teatro, a se stessi e ai nostri strumenti imperfetti.

DOVE

Saremo ospiti in una antica pieve in provincia di Arezzo sulla via Francigena ad un’ora circa di distanza da Firenze, un ambiente protetto e a contatto con la natura.

QUANDO

Lo stage si svolgerà nei giorni di sabato 16 e domenica 17 settembre, condotto da Paolo Papini e Leonardo Torrini della Officina Teatro ‘O.

Il rifugio sarà in uso esclusivo per i partecipanti.

 

L’iscrizione comprende:

quattro sessioni di lavoro nei due giorni

un pernottamento presso la pieve

due pranzi

una colazione

una cena

 

Lo stage è a numero chiuso

POSTI ESAURITI

Per chi fosse interessato è disponibile una lista di attesa

 

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

email: info@teatroo.it – telefoni 3282793144 – 3393318580

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Sito: www.teatroo.it

Nel weekend mi rotolo e divento acqua

foto-1

“… Sabato sera esci con noi?”

“Non posso, sabato e domenica ho una stage!”

“Uno stage??!! ma tu non hai un negozio?… ”

“…”

 

stage

[, freq. ma impropria la pr. ingl.] s.m. fr. (pl. stages); in it. s.m. inv. (o pl. orig.)

• • Periodo di formazione e di apprendistato, dopo gli studi o prima di un’assunzione, che si trascorre in un ufficio, in un reparto, in una scuola o sim. per imparare l’attività o la professione che vi si svolge SIN tirocinio; anche, seminario di aggiornamento
…già, aprendo il dizionario non c è dubbio.

lo stage fa parte del mondo del lavoro…

per una persona normale!

 

Ma d’altronde si sa , chi frequenta un corso di teatro proprio tanto normale non è!

 

… una parola banale, un termine che sembra scontato o comunque con un significato chiaro e distinto in realtà per l’attore non è altro che un PRETESTO.

una chiave di lettura che nasconde al suo interno migliaia di mondi…

PERIODO DI FORMAZIONE… il significato di questa frase non ha dubbi, già!

la parola periodo non fa altro che scandire una definizione di tempo… ma forse non è così.

Il dizionario stesso dice che la parola periodo ha molteplici significati.

per esempio; in chimica si dice che il periodo sia: Ciascun gruppo di elementi compreso tra due elementi chimicamente simili.

Io non credo di essere un chimico ma so per certo che questi due elementi CHIMICAMENTE SIMILI, hanno un nome proprio: Paolo e Leonardo

il gruppo di elementi compresi tra essi penso abbiano all’incirca 24 nomi distinti.

… esaminando poi la parola FORMAZIONE il dizionario cita le seguenti  parole:

creazione, nascita.

beh… provate a mettere insieme 24 ingredienti, come farebbe un grande chef . So che può essere un po’ un azzardato mescolare tutti questi ingredienti ma trovando il legante giusto, il risultato può essere straordinario!

“L’alta cucina non è una cosa per i pavidi, bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero, chiunque può cucinare ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi.”

… e non lo dico io, lo dice Ratatouille! (se non sapete di cosa sto parlando, guardate qualche cartone animato!)

ma torniamo a noi

… SI TRASCORRE IN UN UFFICIO , IN UN REPARTO, IN UNA SCUOLA ECC , provate a mettere tutti questi elementi insieme , so per certo che il primo luogo che vi viene in mente è la scuola di magia di Hogwarts , quella di Harry Potter per intenderci. (…già forse sono l’unico a cui viene in mente questo luogo… bah)

… Un posto magico dove gli studenti possono imparare la magia, affrontare le loro paure più oscure e creare pozioni che donano una sfrenata allegria… beh vi assicuro che questo luogo esiste davvero, si fanno vere magie ci si trova faccia a faccia con le nostre paure e si piange dal ridere… non si trova in Inghilterra o in foresta incantata ma a RIGUTINO!!!

Forse sto esagerando… sto rasentando la follia

o forse… ho passato due giorni a dare piena libertà al mio corpo e alla mia mente ed ora sento la necessità in qualche modo di prolungare questo senso di libertà!

Domani purtroppo ricomincia la settimana e la routine di tutti i giorni, verrò castrato dal mio stesso corpo, non potrò rotolarmi per terra con una maschera sul volto, non potrò fingere di essere qualcun altro, non potrò morire a causa di ossa di pollo, non potrò avere una sorella matta, non potrò essere acqua, vento, verde e marrone!

so per certo però che in una piccola stanza racchiusa tra il cuore e la mente è rimasto tutto questo e quando gli altri non mi vedono, posso tirare fuori ogni singolo pezzo e ricominciare a giocare!

 

Diego

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

stage di teatro CREARE CON L’IMPREVISTO – parola e azione 24/25 settembre

 

StageSettembre2016.Fronte.WEBdue giorni di teatro in agriturismo nella campagna aretina

 

Due intense giornate dedicate al teatro attraverso un lavoro approfondito su parola e movimento. Due giorni da dedicare a se stessi e alla propria creatività conoscendo altre persone unite dalla stessa passione.

La calma e la quiete del luogo aiuteranno a raggiungere uno stato di neutralità che precede l’azione, uno stato mentale e fisico ricettivo riguardante ciò che ci circonda, senza conflitti interiori.

In un ambiente protetto e a contatto con la natura, ospiti in una antica pieve in provincia di Arezzo sulla via Francigena ad un’ora circa di distanza da Firenze.

Lo stage si svolgerà nei giorni di sabato 24 e domenica 25 settembre.

Condotto da Paolo Papini e Leonardo Torrini della Officina Teatro ‘O, prevede due giornate di attività presso il rifugio “La Sassaia” a pochi passi dalla via Francigena e dal Cammino di San Francesco.

Il rifugio sarà in uso esclusivo per i partecipanti.

LO STAGE

La parola nasce dal silenzio come il movimento ha origine dalla immobilità.

Faremo nostra la parola non come mera descrizione ma come entità creativa: scegliendola si sceglie e si genera una realtà.
Faremo nostro il movimento non come gesto utilitaristico ma stimolato da una necessità interiore che sfocia nell’espressività.

Attraverso il gioco esploreremo il senso del ritmo: entrare nel ritmo equivale ad entrare nel grande motore della vita, dei suoi passaggi e del suo mistero. Attraverso il gioco recupereremo le potenzialità inesplorate del nostro corpo per arrivare alla creazione in modo convincente e sincero.

Frasi e scene di celebri testi teatrali saranno la guida durante tutto il nostro percorso. Saranno la base su cui potersi appoggiare e ritornare, per poi ripartire e trovare altri percorsi, altre strade inesplorate ed impreviste.

COSTI

Il costo dello stage è di €115 per i soci della Officina Teatro ‘O e di €130 per i non soci

 

L’iscrizione comprende:

quattro sessioni di lavoro nei due giorni

un pernottamento presso la pieve

due pranzi

una colazione

una cena

 

Lo stage è a numero chiuso: ULTIMO POSTO RIMASTO

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

email: info@teatroo.it – telefoni 3282793144 – 3393318580

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Sito: www.teatroo.it

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Perché partecipare ad uno Stage di teatro

IMG_6696

Partecipare allo stage della Officina Teatro ‘O si è rivelato una di quelle cure a efficacia cento per cento. Divertimento totale, emozione profonde, messa alla prova, senza trascurare tutti gli aspetti tecnici interessanti… gli effetti si sono visti su tutti i partecipanti! Tutti sono risultati ‘liberi’, tutti sono usciti dalle loro abitudini… ciò è stato evidente nelle piccole rappresentazioni finali; tutte espressive, nessuna banale, quasi geniali…
Lo stare insieme, l’esperienza alla ricerca delle disabitudini, il fuori ordinario weekend, hanno reso ancora un po’ più difficile il lunedì… volevo dell’adrenalina!

Samantha

 
La inaspettata libertà di prendersi cura di se stessi attraverso il teatro
Gratificata e contenta. Così la stanchezza davvero non l’ho sentita oggi a lavoro, né la sento adesso.Un’esperienza intensa, formativa, emozionante, bella. Una nuova e insolita consapevolezza di te stesso, del tuo corpo e delle tue emozioni. La voglia di esprimere ed esprimersi. La consapevolezza che abbiamo i mezzi per farlo e non li usiamo perché dimentichiamo di averli… o forse neppure ce ne accorgiamo. Inizio a capire meglio quanto il teatro sia dare e quanto noi invece siamo abituati a chiedere.

Tiberia

 
Comincerei proprio dal rientro. Soddisfazione, pienezza, gioia. Sono solo alcune delle sensazioni che avevo dentro quando sono andato a letto. La cosa ancora più bella è che il giorno dopo al risveglio erano ancora lì a farmi apprezzare la vita.
Lo stage è stato bellissimo. Ho visto me stesso e gli altri mettere in pratica le cose imparate durante l’anno di corso e durante lo stage stesso, con una naturalezza impressionante.
La creatività tirata fuori da tutti mi ha emozionato e mi ha fatto riflettere su quante cose belle ci sono in ognuno di noi e su quanto il teatro sia uno strumento meraviglioso. Mi sono anche chiesto come sia possibile che abbia aspettato tutti questi anni per farlo. Ma ogni cosa ha il suo tempo.
Poi che dire del resto.
Voi siete stati magnifici, ci avete condotto in luoghi fantastici, a volte immaginari a volte concreti e profondi. Il gruppo era splendido,siamo tornati tutti bambini e abbiamo giocato al gioco della finzione divertendoci da morire. Questo si percepiva nell’aria. C’era una atmosfera di gioco e di gioia. Di complicità. C’era passione in voi ed in noi.
Per tutto questo vi ringrazio.

Pietro

IMG_6593
Sono rientrata nella routine con un’energia che non avevo da tempo. Essermi presa cura di me mi ha riempito di voglia di dare agli altri e voi sapete quanto viene chiesto dalla vita ad ognuno di noi. Sono stati due giorni intensi, fisicamente, soprattutto emotivamente… ma rifarei tutto subito! Grazie per tutto e per avermi fatto sentire di nuovo me stessa.

Liza

La cura del teatro

foto 2 (12)La cura del teatro

Partecipare allo stage della Officina Teatro ‘O si è rivelato una di quelle cure a efficacia cento per cento. Divertimento totale, emozione profonde, messa alla prova, senza trascurare tutti gli aspetti tecnici interessanti… gli effetti si sono visti su tutti i partecipanti! Tutti sono risultati ‘liberi’, tutti sono usciti dalle loro abitudini… ciò è stato evidente nelle piccole rappresentazioni finali; tutte espressive, nessuna banale, quasi geniali…
Lo stare insieme, l’esperienza alla ricerca delle disabitudini, il fuori ordinario weekend, hanno reso ancora un po’ più difficile il lunedì… volevo dell’adrenalina!

Samantha

 

 

Presentazione dei corsi

giovedì 1 ottobre ore 21,30 NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

 

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Gli opposti si attraggono un po’ sì un po’ boh

foto 2 (12)La inaspettata libertà di prendersi cura di se stessi attraverso il teatro

Gratificata e contenta. Così la stanchezza davvero non l’ho sentita oggi a lavoro, né la sento adesso. Un’esperienza intensa, formativa, emozionante, bella. Una nuova e insolita consapevolezza di te stesso, del tuo corpo e delle tue emozioni. La voglia di esprimere ed esprimersi. La consapevolezza che abbiamo i mezzi per farlo e non li usiamo perché dimentichiamo di averli… o forse neppure ce ne accorgiamo. Inizio a capire meglio quanto il teatro sia dare e quanto noi invece siamo abituati a chiedere.

Tiberia

Inaspettata mattina di metà settembre, catapultato in un luogo altro.
Avverto subito il delicato tocco della libertà, della leggerezza di affacciarmi alla dimensione del gioco.
Indosso una maschera per ritrovare me stesso, per riscoprire il mio corpo nelle sue singole membra, per ascoltare il mio respiro.
Profonda empatia ed armonia con i miei compagni di viaggio.
Da non crederci…
Cammino, osservo, farnetico e sogno all’interno di uno spazio geometrico, chiuso da buffi birilli arancioni.
Qui si liberano le mie sensazioni, nel labirinto della fantasia, nella dimensione ovattata e pacifica dell’ascolto e dell’osservazione di ciò che mi circonda.

Mi muovo intorno ad un albero che mi sembra di conoscere da sempre e mi sorprendo ad ascoltare nuovamente il mio respiro, la mia voce, i miei passi sul terreno. 
Sempre di più questa sensazione di libertà inaspettata, inaspettata.
Mi sento facente parte di un gruppo di esseri viventi e tutto intorno a me avverto il palpito inebriante della vita.
Striscio sul pavimento di una stanza chiusa e mi sento padrone del mio corpo, libero di esprimere tutto ciò che provo.

Indugio per lunghi minuti ad accarezzare due docili gattini nati da poco e mi soffermo ad ascoltare le storie bizzarre di un simpatico templare tornato dal passato.
Poi, quando già presagisco con dispiacere che il sogno sta per svanire, una rassicurante nenia che fa ancora parte di quel mondo mi accompagna dolcemente durante il tragitto che mi riporta alla realtà: “Gli opposti si attraggono un po’ sì un po’ boh / Gli opposti si attraggono un po’ sì un po’ boh…”

Marco

VolantinoFronte.WEB

 

Presentazione dei corsi

giovedì 1 ottobre ore 21,30 NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

 

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Come è possibile aver aspettato tutti questi anni per farlo?

 foto 1 (15)

Alcuni allievi/attori ci parlano della loro esperienza di due giorni di stage di teatro in campagna

Comincerei proprio dal rientro. Soddisfazione, pienezza, gioia. Sono solo alcune delle sensazioni che avevo dentro quando sono andato a letto. La cosa ancora più bella è che il giorno dopo al risveglio erano ancora lì a farmi apprezzare la vita.
Lo stage è stato faticoso ma bellissimo. Ho visto me stesso e gli altri mettere in pratica le cose imparate durante l’anno di corso e durante lo stage stesso, con una naturalezza impressionante.
La creatività tirata fuori da tutti nello spettacolo finale mi ha emozionato e mi ha fatto riflettere su quante cose belle ci sono in ognuno di noi e su quanto il teatro sia uno strumento meraviglioso. Mi sono anche chiesto come sia possibile che abbia aspettato tutti questi anni per farlo. Ma ogni cosa ha il suo tempo.
Poi che dire del resto.
Voi siete stati magnifici, ci avete condotto in luoghi fantastici, a volte immaginari a volte concreti e profondi. Il gruppo era splendido,siamo tornati tutti bambini e abbiamo giocato al gioco della finzione divertendoci da morire. Questo si percepiva nell’aria. C’era una atmosfera di gioco e di gioia. Di complicità. C’era passione in voi ed in noi.
Per tutto questo vi ringrazio e vi voglio bene.

Pietro

foto 3 (7)

Sono rientrata nella routine con un’energia che non avevo da tempo. Essermi presa cura di me mi ha riempito di voglia di dare agli altri e voi sapete quanto viene chiesto dalla vita ad ognuno di noi. Sono stati due giorni intensi, fisicamente, soprattutto emotivamente… ma rifarei tutto subito! Grazie per tutto e per avermi fatto sentire di nuovo me stessa.

Liza

È passato il carro ed insieme con i nostri Lucignoli siamo andati nel paese dei balocchi e ci siamo messi a giocare, ma con noi stessi, mettendoci a nudo con sincerità, perciò invece di diventare asini siamo diventati migliori. È stato bello intenso difficile e magico. Grazie a voi.

Lucia

VolantinoFronte.WEB

 

Presentazione dei corsi

giovedì 1 ottobre ore 21,30 NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

 

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

stage di teatro “ABITUDINE&DISABITUDINE” – 19/20 settembre

Stage2015Fronte

ABITUDINE&DISABITUDINE – Voce&Corpo

due giorni di teatro in agriturismo nella campagna aretina

L’abitudine è l’abitudine, e nessun uomo può buttarla dalla finestra; se mai la si può sospingere giù per le scale, un gradino alla volta.
Mark Twain, Wilson lo Svitato, 1894

Due intense giornate dedicate al teatro attraverso una esperienza su voce, corpo ed emozioni.

Due giorni da dedicare a se stessi e alla propria creatività, mettendosi in gioco all’interno di un gruppo e conoscendo altre persone unite dalla stessa passione.

sabato 19 e domenica 20 settembre

Lo stage si svolgerà presso una antica pieve immersa nella natura e sarà condotto da Paolo Papini e Leonardo Torrini della Officina Teatro ‘O. Il rifugio, ad uso esclusivo dei partecipanti, si trova in provincia di Arezzo sulla via Francigena ad un’ora circa di distanza da Firenze.

Lo stage è a numero chiuso per un massimo di 20 persone.

LO STAGE

L’attore usa il proprio corpo e la propria voce per emozionare, vivere e narrare storie. Non può recitare, non può esprimersi e creare attraverso atti abitudinari. Uscire dai facili, consueti e sicuri meccanismi delle abitudini è il solo modo per vivere appieno il senso della creazione, l’unica via per arrivare allo spettatore in modo convincente e sincero e potersi esprimere pienamente. Per fortuna le abitudini che bloccano la nostra espressività non sono immutabili. Possono essere ignorate, modificate o sostituite ed è questo che lo stage si propone di far sperimentare.

Esploreremo le potenzialità espressive del fisico con e senza maschera, le sfumature della voce fuori dal nostro quotidiano, apprenderemo come narrare una storia, la vera essenza del fare teatro.

COSTI

Il costo è di €95 per le iscrizioni effettuate entro il 31/7 e €115 oltre tale data.
Non inclusi: €15 di iscrizione per i non soci della Officina Teatro ‘O

L’iscrizione comprende:

quattro sessioni di lavoro nei due giorni

un pernottamento presso la pieve

due pranzi

una colazione

una cena

Lo stage è a numero chiuso per un massimo di 20 persone.

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

email: info@teatroo.it – 3282793144 – 3393318580

 

Stage di teatro: i racconti dei nostri allievi

 

foto (9)

Esperienze da stage

Raccogliamo qui alcuni pensieri di chi ha partecipato ai nostri stage di teatro residenziale in agriturismo. Due giorni di teatro, esercizi e giochi a stretto contatto con la natura. Due giorni di teatro ma anche tante risate e scambi di parole, passioni, punti di vista e pensieri.

Ecco alcuni brevi racconti di questa esperienza descritti da chi vi ha partecipato.

“… dietro la maschera mi si faceva spazio questa sensazione: muto e senza faccia il mio corpo era obbligato ad esprimersi e lo faceva naturalmente. Il mio corpo mi raccontava quel che stava sentendo e come lo diceva. Splendido il luogo, l’aria, il sole, l’ombra, l’atmosfera fra di noi.

M.

“Allora… per l’esperienza stage la mia parola chiave è intensità: intensità di concentrazione, di apprendimento, di condivisione e perché no di crescita personale. Inoltre: il lusso di poter dedicare due giorni (e una notte!) interi alla propria creatività, all’arte, a coltivare una così bella passione e condividerla nel modo più gioioso.”

F.

“Abbiamo sperimentato tecniche nuove, la condivisione e la creazione di qualcosa di nostro. Direi un exploit creativo a tutto tondo, dal grande valore personale ed emotivo. Un’esperienza che consiglio:)”

C.

“Lavorare insieme con intensità, condividere spazio e tempo ha dato valore all’esperienza, ed ha aperto la strada per future scelte. E poi, cosa che non guasta affatto, è stato molto divertente.”

P.

“Uno stage di cui ho un ricordo intenso per il coinvolgimento stimolato da un’attenta guida ed un programma vario e ricco di sorprese. In questo vivo crogiuolo la creatività di ognuno, mi sembra, sorgeva spontanea e liberata. Ho apprezzato molto l’organizzazione e l’impegno da parte dei conduttori che motivava il gruppo con ritmi ben scanditi. Grazie ancora e, se ne avrò la possibilità, vorrei fare ancora di queste esperienze.”

S.

OFFICINA TEATRO ‘O

email: info@teatroo.it – 3282793144 – 3393318580

 

Fare smettendo di strafare

IMG_6792

 

Morire e rinascere in una nuova pelle. Elisa

Come morire e rinascere in una nuova pelle. Ho trovato il lavoro con le maschere davvero interessante e proficuo.Mi ha aiutato ad attivare tutta la mia attenzione sul corpo, tralasciando l’espressività facciale che per carattere uso così tanto ogni giorno. La maschera poi mi permetteva di liberarmi dal giudizio intellettuale su me stessa e su gli altri e di essere viva, spontanea e pronta a recepire quello che mi accadeva davanti. Mi piacerebbe tanto continuare ad approfondire questo tipo di lavoro anche durante il corso. Mi è stato assai utile ed emozionante inoltre fare gli esercizi vocali per ampliare le mie modalità d’espressione. Penso che sulla voce si debba sempre lavorare molto altrimenti non si può arrivare ‘fino all’ultima fila di spettatori’ come ci dicono sempre i nostri maestri. E’emozionante scoprire di riuscire a variare la voce come se le nostre corde vocali fossero uno strumento musicale. E’stato invece critico per me lavorare in equilibrio con gli altri, ma ho cercato di ascoltare chi mi stava intorno senza né primeggiare né rimanere schiacciata. L’esercizio della ‘dama con le pedine’ come lo chiamo io, mi ha messo molto in crisi ma rifacendolo più volte sono riuscita a comprenderne i meccanismi. Ho imparato a parlare quando ne sentivo davvero il bisogno senza forzarmi e ad uscire dal gioco quando sentivo che era giusto. Mi avete insegnato a fare smettendo di strafare. Forse sono arrivata quasi a fare poco a fine stage ma quel ‘poco’ l’ho fatto col cuore e l’ho sentito veramente. Sono riuscita in poche ore a stabilire relazioni ricche di emozioni con persone che non conoscevo o conoscevo appena. Ho vissuto momenti magici di crescita personale. DI QUESTO SONO GRATA AGLI INSEGNANTI, A TUTTI I PARTECIPANTI E A ME STESSA, PERCHÉ MI SONO MESSA IN GIOCO.

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze
Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01

Dimensioni estranee

foto (33)

 

Dimensioni estranee. Lucia

A proposito dello stage sono tante le cose che vorrei dire. Prima di tutto l’intensità del lavoro, in dei momenti pensavo di non farcela anche un po di stanchezza ma poi e’ stato come rompere il fiato e il tempo e la stanchezza sono diventate per me dimensioni estranee, come vivere più esperienze in un solo momento non so se sono chiara… ma è difficile esprimerlo a parole. Ho compreso l’importanza del “CORPO” nell’esprimere un sentimento, un blocco, un’apertura verso l’ altro verso una nuova conoscenza di sé. Lo stage in 2 giorni ha fatto tanto, certo è importante sia la motivazione e l’aspettativa che stanno dietro alla scelta di fare uno stage di teatro e posso dire che mi ha dato veramente tanto. Nello specifico mi è piaciuto molto il lavoro sulla voce, il lavoro con le maschere, il poter lavorare con gruppi diversi sia di persone, che di livello diverso (mi chiedevo se è stato lo stesso per le persone del terzo anno lavorare con noi del primo). E’ stato bello sentirsi un po’ attore e un po’ regista, questo ho sentito nella preparazione e nella messa in scena dello spettacolo. Ognuno si è sfidato al massimo e grazie al lavoro degli insegnanti il risultato è stato un condensato di tutto quello che abbiamo fatto in soli due giorni di lavoro, cosa almeno per me incredibile, vedere un cambiamento a livello esperienziale e personale cosi profondo. Tutto questo rigirio di parole per dire che benvengano gli stage se fatti con la vostra professionalità e dedizione. Voglio dire una cosa che per me è mancato… il tempo per parlare insieme del lavoro fatto. Avrei da dire molte altre cose ma mi sembra già di avere parlato troppo… e pensare che essendo in vacanza ho pensato di scrivere poco e invece non mi fermerei più!

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze
Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01

Emozioni attraverso il corpo

 foto (34)

Un concentrato. Rosanna

Entusiasta. Posso dire che sono stati due giorni belli, intensi e molto costruttivi. Un concentrato di emozioni espresse attraverso un lavoro ben curato ed uno scambio relazionale tra il gruppo. Ho apprezzato molto il lavoro con le maschere x me nuovo che mi ha fatto scoprire di più il lavoro del corpo. Grazie ancora per la bravura e professionalità degli insegnanti nel gestire un percorso cosi significativo sia per chi è alla sua prima esperienza e per chi è già a conoscenza. Grazie Grazie Grazie

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01

un corpo senza voce

foto (36)

 

Ancora tutto vivo dentro di me. Matteo

Eccomi, è passato qualche giorno in più ma ancora non è decantata nessuna emozione, solo i muscoli, i vari lividi alle ginocchia e la voce si sono ripresi ma per il resto è ancora tutto vivo dentro di me come fosse successo solo 5 minuti fa. La mia esperienza di questo stage è ovviamente positiva, ben al di sopra delle aspettative, qualsiasi cosa avevo immaginato è stata in realtà decuplicata, divertimento, fatica, sudore, imparare cose nuove, scoprire cose dentro di me che non sapevo, sentirmi in armonia e sintonia con me e gli altri, lavorare con i miei inseparabili amici e anche con chi non avevo mai visto prima e tante altre cose che ti regala una esperienza come questa. La cosa che mi ha più stimolato è stata quella di mettere una maschera e cercare di esprimermi solo con il corpo senza voce, senza faccia e soprattutto senza usare SOLO le mani, una cosa che sembra più facile a dirsi che a farsi ma poi ti rendi conto che il tuo corpo può essere usato veramente come uno strumento e uscire dai classici movimenti quotidiani, ho sentito veramente una connessione fra mente e corpo. Sono davvero contento e fortunato di aver iniziato questo corso di teatro, ho trovato un gruppo di persone veramente fantastico e anche se sembra una frase fatta e già sentita è per me come una grande famiglia, gli insegnanti bravissimi hanno reso questa esperienza così speciale che se ci rifletto bene mi rendo conto che sto facendo un corso di teatro ma il mio principale obbiettivo non è quello di diventare un bravo attore ma quello di vivere un’esperienza facendo un corso di teatro. L’unica nota negativa dello stage è stata la breve durata, io avrei fatto anche una settimana intera.

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze
Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01

Una nuova finestra

IMG_6705

Ogni posto è una miniera – Marzia

“Ogni posto è una miniera. Basta lasciasi andare e seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, un incontro …. e il posto apparentemente più insignificante della terra diventa una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale fermarsi senza più bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è… basta scavare.”

 

Prendo in prestito queste parole di Tiziano Terzani perché sintetizzano ciò che sono state per me le due giornate dello stage … un viaggio.

Un viaggio che non mi ha portato fisicamente tanto lontano da casa come amo fare tutte le volte che posso, ma l’effetto non è stato molto diverso perché mi ha consentito di aprire una nuova finestra e “scavare” lontano dalla mia vita e dentro di me.
Il luogo non poteva essere più adatto perché da lì passano persone che, ognuna con le sue motivazioni, sono in cammino ed questo mi ha trasmesso molta energia (ovviamente parlo del Rifugio La Sassaia non del circolo del tennis).

La cosa che mi è piaciuta di più è stato il lavoro con le maschere per me un esercizio del tutto nuovo.

Grazie ai maestri e agli altri viaggatori per l’energica e divertente esperienza.

MARZIA

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze
Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01

Così, come primordiale è il teatro

 IMG_6589

Tutto sembrava fatto per essere lì. Thomas

Che dire, un’esperienza molto bella, intensa, le persone, il luogo, le attività sembravano fatte per essere lì, in quel momento, in quel posto, come se ci si conoscesse da sempre, come se da sempre vivessimo lì. Quando un’esperienza ti sembra naturale ed eterna forse significa che ti stia toccando corde primordiali, così come primordiale è il teatro. Per quanto riguarda feedback negativi non ne ho… mannaggia, adesso non mi vengono, ma fondamentalmente perchè da migliorare mi pare vi sia poco… abracos, Thomas

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01

Salviette struccanti, complicità e condivisione

 IMG_6608

Le maschere che mi hanno trasportato in un mondo magico. Cecilia

Eccomi pronta a parlare della mia esperienza: sono partita carica di ansia e curiosità, non conoscevo nessuno a parte una compagna e per essere sincera ho avuto un primo momento di smarrimento, tutte quelle persone nuove con le quali avrei vissuto fianco a fianco per due giorni… ce l’avrei fatta? Tutto è venuto così naturalmente dallo scegliere il posto letto nella camerata, al dividere le salviette struccanti, è nata complicità e condivisione grazie alla capacità di Leonardo e Paolo di metterci a nostro agio, mi avete aiutato a lasciarmi andare alle mie emozioni. In alcuni momenti ho provato fatica e dolore specie nelle sessioni di Paolo ma nel momento esatto in cui finivano mi sono sentita sempre più forte e carica. Quello che mi è mancato il tempo di poter conoscere meglio i miei compagni e forse anche rilassarmi dopo le varie sessioni. Quello che mi è piaciuto di più è la sensazione di libertà ed energia che mi avete trasmesso… Ho adorato il lavoro con le maschere che mi hanno trasportato in un mondo magico

Grazie di tutto a tutti

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01

Un posto fuori dal mondo

IMG_6524

Lo stage lascia il segno. Massimo

Il fisico ricorda e fissa le sensazioni. Le parole e anche i concetti un pò alla volta se ne vanno, ma rimane indelebile la traccia delle emozioni fisiche. Certo ci vuole qualcuno e qualcosa che le susciti. ma questo ce l’avete messo voi e tutti i corpi, i movimenti, i passi, i gesti, i sorrisi, i suoni, le parole di tutti quelli che erano lì in quel posto fuori dal mondo.

Grazie per l’impegno e per la “pressione” che ci avete messo.

Qualche osservazione tecnica?: Anche la voce è una espressione fisica: è gesto, è movimento, è emozione, al di là delle parole che contiene! Anche se lo percepivo non avevo mai fatto esercizi specifici. Bene avete fatto e spero che lo rifarete. Nuova anche l’esperienza della creazione dello spazio come comunicazione ed espressione. Ottima la location in mezzo al verde.

da migliorare…? provo: un pò i tempi morti, ma non credo più di tanto. forse un breve scambio di impressioni a fine esercizi della giornata divisi per gruppi… per la parte finale creativa forse cinque minuti di assistenza iniziale, forse gruppi di quattro che gli attori autori si sentono meno esposti e meno in dovere di essere protagonisti. ci avrei messo un gioco per tutti o per gruppi per sciogliere le relazioni anche perché si sentiva il differente approccio al contatto fra gli allievi O e chi aveva altre esperienze teatrali.

bè ho detto quel che mi è rimasto di questi due giorni, che è di più, ma queste sono le parole per raccontarlo.

ciao

Massimo

Presentazione Corsi Giovedì 2 Ottobre 2014 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

VolantinoFronte2014.01