CUT-etere

OFFICINA TEATRO ‘O

di Paolo Papini e Leonardo Torrini

presenta

CUT-etere

ovvero bella m***a

 

Commedia assai brillante in due atti in cui l’apparenza inganna ed è a sua volta ingannata

 

un amore difficile tra una ragazza ed un “uomo” molto particolare, alieni infelici in fuga verso un mondo migliore, una famigliola come tante con un SEGRETO tremendo ed ingombrante (?!) bizzarri animali simili ad uomini, tre personaggi disposti a tutto pur di trovare il loro autore e fargliela pagare a caro prezzo, terribili esperienze da vivere in diretta e improbabili quanto inconfessabili delitti, un nano molto sensibile in cerca di dignità, il sogno stralunato di un Kafka mai rappresentato e rappresentabile e visioni notturne pericolosamente annacquateil tutto servito con canzoni e paillettes.

 

Il vero spirito della commedia brillante dove tutto sembra ciò che non è.

 

 

Giovedì 15 Giugno ore 21.15
TEATRO REIMS
Via Reims, 30 angolo Via Gran Bretagna (zona Gavinana) Firenze

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Info e prenotazioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Annunci

Fino all’ultimo respiro – II parte

resp2

Respirare diminuisce stress e dolore

 

 

L’espirazione, ovvero quando si rilascia l’aria accumulata in precedenza, provoca il rilassamento in tutto il corpo: chi ha paura di lasciarsi andare totalmente spesso ha qualche difficoltà quando deve espirare completamente e anche dopo una espirazione «forzata» tratterrà ancora un po’ d’aria nel petto. In verità si tratta di una vera e propria difesa contro la paura di non essere capace di immettere abbastanza aria, cosa per altro non vera nella quasi totalità delle persone.

Una persona in queste condizioni, o nel nostro caso un attore, costretta a lasciare andare completamente l’aria, potrà reagire con panico inspirando subito per riempire nuovamente il petto, e riacquistare una riserva d’aria di sicurezza. Questa paura di perdere tutta l’aria è l’espressione fisiologica di perdere la propria sicurezza.

Problemi di inspirazione. Quando dobbiamo approvvigionarci di aria: le persone che hanno paura di prendere contatto con la realtà, hanno difficoltà a inspirare e, se aprono la gola per un respiro profondo, possono sentirsi terrorizzate.

A parte quello descritto dell’articolo precedente, c’è un altro modo di respirare quando il bisogno di ossigeno si fa più urgente, come, per esempio, in molte attività faticose. In questo caso sono mobilitati i muscoli del torace e nei movimenti respiratori è coinvolto il petto.

In alcune persone quando il petto si espande nella inspirazione, la pancia viene come inghiottita all’interno e ciò produce un grave disagio perché il movimento verso il basso dei polmoni si blocca. Senza considerare che un tempo (almeno ai miei) agli uomini che facevano il militare era intimato di avere «petto in fuori e pancia in dentro» che equivale ad un efficacissimo blocco. Anche le donne hanno avuto nei decenni passati i loro blocchi sociali, basti pensare alla pancia piatta che la moda ha sempre imposto (e non serve andare troppo indietro al tempo dei corsetti)

Tutto ciò conduce ad un respiro piatto e poco profondo in cui il petto si irrigidisce e la pancia si contrae. Inoltre in questo modo è possibile controllare lacrime e singhiozzi; è la tipica sensazione che esprimiamo dicendo: «ho un nodo allo stomaco».

Respirare bene è anche molto importante per quanto riguarda l’emissione della voce. Molte persone educate fin da piccoli a non disturbare soffocano in sé la loro voce producendo una forte chiusura della gola e limitando seriamente il respiro. Proprio per questo attraverso la bioenergetica bisogna incoraggiare le persone a lasciare andare il suono della voce facendo gli esercizi di respirazione. La libera emissione dei suono diminuisce infatti sia lo stress che il dolore. Basta solo provare.

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

Fino all’ultimo respiro – I parte

resp

Respirare è un semplice atto, forse il più naturale

Gli strumenti dell’attore sono essenzialmente il corpo, la voce ed i sentimenti. A ben vedere non ha bisogno di altro. Trucco, costumi, quinte, scene, musica ed altro sono un qualcosa in più che può servire o meno. Senza corpo voce e sentimenti invece non può esistere l’attore, non può esserci espressione e comunicazione.

Tutti e tre questi elementi possiedono un comune denominatore che è la respirazione, anzi una buona respirazione. Respirare è un semplice atto, forse il più naturale ed antico mai conosciuto. Attraverso il respiro assorbiamo l’ossigeno necessario ad alimentare le nostre energie ed i nostri corpi. In altre parole ci serve per vivere.
In effetti alla nascita non siamo affatto consapevoli di respirare, lo facciamo nel modo più spontaneo, libero, gratificante e completo possibile.

I problemi sorgono dopo, quando cresciamo, quando l’educazione, le esigenze sociali ed alcuni tabù ci costringono a conformarci ad alcuni modelli comportamentali che provocano un impoverimento ed una alterazione della cosiddetta respirazione naturale (e di conseguenza anche della voce naturale tanto cara a Kristin Linklater e valida per attori e cantanti) spesso per colpa di tensioni muscolari divenute croniche e sviluppatesi da conflitti emozionali.
Praticamente quasi ogni disturbo del respiro che abbiamo è dovuto a schemi creati negli anni, a blocchi inconsci o a particolari tensioni muscolari.

Talvolta il non riuscire a respirare con naturalezza può dipendere dalla paura di scoppiare in un pianto dirotto o dal timore di lasciarsi andare alle proprie emozioni.
Nella respirazione naturale e rilassata il diaframma si contrae e si abbassa permettendo ai polmoni di espandersi e gonfiarsi e quindi di incamerare la giusta quantità di aria spingendola verso il basso, in tal modo l’addome si allarga con un movimento verso l’esterno (in teatro spesso un po’ rudemente si dice gonfiare la pancia) . Il risultato? Il massimo di aria con il minimo sforzo.
La respirazione completa, naturale o ad onda che si voglia chiamare comincia profondamente nella pelvi e fluisce verso l’alto fino alla bocca; mentre avanza nel corpo, l’addome, il torace e la gola si espandono per accogliere l’aria. In molte persone tuttavia la gola è fortemente contratta e bloccata e impedisce l’espressione dei sentimenti che si possono manifestare fino ad arrivare anche a pianto e grida.

Per questo talvolta riuscire a piangere può sbloccare la tensione nella gola lasciando arrivare più liberamente l’aria al ventre. E’ quella sensazione di rilassamento e sollievo che tutti abbiamo provato almeno una volta al termine di un pianto dirotto.

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

XX incontr’O Allievi Officina Teatro ‘O

foto (73)

XX Incontr’O Allievi Officina Teatro ‘O

 

Domenica 5 febbraio dalle ore 17, NEWSTAZ Via Attavante 5

Benvenuti alla XX edizione dell’incontro allievi Officina Teatro ‘O!

Una giornata dedicata a tutti gli allievi della Officina Teatro ‘O e da loro

gestita

interpretata

cucinata

L’occasione per condividere con gli altri compagni QUALSIASI oggetto, foto, canzone, fantasia, brano teatrale, video, poesia oppure cantare o anche semplicemente raccontarsi o narrare una storia

SENZA respirazione in 4 tempi

SENZA dizione, tazze strette e Biribaula

SENZA camminate teatrali con velocità e calzini antiscivolo…

MA SOLO stare insieme

La serata continuerà con cena organizzata, cucinata e mangiata da parte di tutti gli allievi

 

Buon teatro a tutti noi!
Paolo e Leonardo

Allievi Corso Base, Corsi Avanzati, Laboratorio e Bella Età della Officina Teatro ‘Ofoto (64)

Nel weekend mi rotolo e divento acqua

foto-1

“… Sabato sera esci con noi?”

“Non posso, sabato e domenica ho una stage!”

“Uno stage??!! ma tu non hai un negozio?… ”

“…”

 

stage

[, freq. ma impropria la pr. ingl.] s.m. fr. (pl. stages); in it. s.m. inv. (o pl. orig.)

• • Periodo di formazione e di apprendistato, dopo gli studi o prima di un’assunzione, che si trascorre in un ufficio, in un reparto, in una scuola o sim. per imparare l’attività o la professione che vi si svolge SIN tirocinio; anche, seminario di aggiornamento
…già, aprendo il dizionario non c è dubbio.

lo stage fa parte del mondo del lavoro…

per una persona normale!

 

Ma d’altronde si sa , chi frequenta un corso di teatro proprio tanto normale non è!

 

… una parola banale, un termine che sembra scontato o comunque con un significato chiaro e distinto in realtà per l’attore non è altro che un PRETESTO.

una chiave di lettura che nasconde al suo interno migliaia di mondi…

PERIODO DI FORMAZIONE… il significato di questa frase non ha dubbi, già!

la parola periodo non fa altro che scandire una definizione di tempo… ma forse non è così.

Il dizionario stesso dice che la parola periodo ha molteplici significati.

per esempio; in chimica si dice che il periodo sia: Ciascun gruppo di elementi compreso tra due elementi chimicamente simili.

Io non credo di essere un chimico ma so per certo che questi due elementi CHIMICAMENTE SIMILI, hanno un nome proprio: Paolo e Leonardo

il gruppo di elementi compresi tra essi penso abbiano all’incirca 24 nomi distinti.

… esaminando poi la parola FORMAZIONE il dizionario cita le seguenti  parole:

creazione, nascita.

beh… provate a mettere insieme 24 ingredienti, come farebbe un grande chef . So che può essere un po’ un azzardato mescolare tutti questi ingredienti ma trovando il legante giusto, il risultato può essere straordinario!

“L’alta cucina non è una cosa per i pavidi, bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero, chiunque può cucinare ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi.”

… e non lo dico io, lo dice Ratatouille! (se non sapete di cosa sto parlando, guardate qualche cartone animato!)

ma torniamo a noi

… SI TRASCORRE IN UN UFFICIO , IN UN REPARTO, IN UNA SCUOLA ECC , provate a mettere tutti questi elementi insieme , so per certo che il primo luogo che vi viene in mente è la scuola di magia di Hogwarts , quella di Harry Potter per intenderci. (…già forse sono l’unico a cui viene in mente questo luogo… bah)

… Un posto magico dove gli studenti possono imparare la magia, affrontare le loro paure più oscure e creare pozioni che donano una sfrenata allegria… beh vi assicuro che questo luogo esiste davvero, si fanno vere magie ci si trova faccia a faccia con le nostre paure e si piange dal ridere… non si trova in Inghilterra o in foresta incantata ma a RIGUTINO!!!

Forse sto esagerando… sto rasentando la follia

o forse… ho passato due giorni a dare piena libertà al mio corpo e alla mia mente ed ora sento la necessità in qualche modo di prolungare questo senso di libertà!

Domani purtroppo ricomincia la settimana e la routine di tutti i giorni, verrò castrato dal mio stesso corpo, non potrò rotolarmi per terra con una maschera sul volto, non potrò fingere di essere qualcun altro, non potrò morire a causa di ossa di pollo, non potrò avere una sorella matta, non potrò essere acqua, vento, verde e marrone!

so per certo però che in una piccola stanza racchiusa tra il cuore e la mente è rimasto tutto questo e quando gli altri non mi vedono, posso tirare fuori ogni singolo pezzo e ricominciare a giocare!

 

Diego

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Imparare a respirare per liberare le proprie emozioni

resp

Respirare è un semplice atto, forse il più naturale

Gli strumenti dell’attore sono essenzialmente il corpo, la voce ed i sentimenti. A ben vedere non ha bisogno di altro. Trucco, costumi, quinte, scene, musica ed altro sono un qualcosa in più che può servire o meno. Senza corpo voce e sentimenti invece non può esistere l’attore, non può esserci espressione e comunicazione.

Tutti e tre questi elementi possiedono un comune denominatore che è la respirazione, anzi una buona respirazione. Respirare è un semplice atto, forse il più naturale ed antico mai conosciuto. Attraverso il respiro assorbiamo l’ossigeno necessario ad alimentare le nostre energie ed i nostri corpi. In altre parole ci serve per vivere.
In effetti alla nascita non siamo affatto consapevoli di respirare, lo facciamo nel modo più spontaneo, libero, gratificante e completo possibile.

I problemi sorgono dopo, quando cresciamo, quando l’educazione, le esigenze sociali ed alcuni tabù ci costringono a conformarci ad alcuni modelli comportamentali che provocano un impoverimento ed una alterazione della cosiddetta respirazione naturale (e di conseguenza anche della voce naturale tanto cara a Kristin Linklater e valida per attori e cantanti) spesso per colpa di tensioni muscolari divenute croniche e sviluppatesi da conflitti emozionali.
Praticamente quasi ogni disturbo del respiro che abbiamo è dovuto a schemi creati negli anni, a blocchi inconsci o a particolari tensioni muscolari.

Talvolta il non riuscire a respirare con naturalezza può dipendere dalla paura di scoppiare in un pianto dirotto o dal timore di lasciarsi andare alle proprie emozioni.
Nella respirazione naturale e rilassata il diaframma si contrae e si abbassa permettendo ai polmoni di espandersi e gonfiarsi e quindi di incamerare la giusta quantità di aria spingendola verso il basso, in tal modo l’addome si allarga con un movimento verso l’esterno (in teatro spesso un po’ rudemente si dice gonfiare la panciresp2a) . Il risultato? Il massimo di aria con il minimo sforzo.
La respirazione completa, naturale o ad onda che si voglia chiamare comincia profondamente nella pelvi e fluisce verso l’alto fino alla bocca; mentre avanza nel corpo, l’addome, il torace e la gola si espandono per accogliere l’aria. In molte persone tuttavia la gola è fortemente contratta e bloccata e impedisce l’espressione dei sentimenti che si possono manifestare fino ad arrivare anche a pianto e grida.

Per questo talvolta riuscire a piangere può sbloccare la tensione nella gola lasciando arrivare più liberamente l’aria al ventre. (ed è quella sensazione di rilassamento e sollievo che tutti abbiamo provato almeno una volta al termine di un pianto dirotto)

Problemi di espirazione (quando si lascia andare l’aria) L’espirazione provoca il rilassamento in tutto il corpo: chi ha paura di lasciarsi andare totalmente spesso ha qualche difficoltà quando deve espirare completamente e anche dopo una espirazione «forzata» tratterrà ancora un po’ d’aria nel petto. In verità si tratta di una vera e propria difesa contro la paura di non essere capace di immettere abbastanza aria, cosa per altro non vera nella quasi totalità delle persone.

Una persona in queste condizioni, o nel nostro caso un attore, costretta a lasciare andare completamente l’aria, potrà reagire con panico inspirando subito per riempire nuovamente il petto, e riacquistare una riserva d’aria di sicurezza. Questa paura di perdere tutta l’aria è l’espressione fisiologica di perdere la propria sicurezza.

Problemi di inspirazione (quando dobbiamo approvvigionarci di aria) Le persone che hanno paura di prendere contatto con la realtà, hanno difficoltà a inspirare e, se aprono la gola per un respiro profondo, possono sentirsi terrorizzate.

A parte quello già descritto, c’è un altro modo di respirare quando il bisogno di ossigeno si fa più urgente, come, per esempio, in molte attività faticose. In questo caso sono mobilitati i muscoli del torace e nei movimenti respiratori è coinvolto il petto.

In alcune persone quando il petto si espande nella inspirazione, la pancia viene come inghiottita all’interno e ciò produce un grave disagio perché il movimento verso il basso dei polmoni si blocca. Senza considerare che un tempo (almeno ai miei) agli uomini che facevano il militare era intimato di avere «petto in fuori e pancia in dentro» che equivale ad un efficacissimo blocco. Anche le donne hanno avuto nei decenni passati i loro blocchi sociali, basti pensare alla pancia piatta che la moda ha sempre imposto (e non serve andare troppo indietro al tempo dei corsetti)

Tutto ciò conduce ad un respiro piatto e poco profondo in cui il petto si irrigidisce e la pancia si contrae. Inoltre in questo modo è possibile controllare lacrime e singhiozzi; è la tipica sensazione che esprimiamo dicendo: «ho un nodo allo stomaco».

Respirare bene è anche molto importante per quanto riguarda l’emissione della voce. Molte persone educate fin da piccoli a non disturbare soffocano in sé la loro voce producendo una forte chiusura della gola e limitando seriamente il respiro. Proprio per questo attraverso la bioenergetica bisogna incoraggiare le persone a lasciare andare il suono della voce facendo gli esercizi di respirazione. La libera emissione dei suono diminuisce infatti sia lo stress che il dolore. Basta solo provare.

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

Sbagliare tutto: in teatro si può!

rizFare teatro per la prima volta mi ha fatto ritornare bambino, una specie di gioco a nascondino

in cui tutti quanti in un primo momento ci siamo nascosti nella nostra ‘tana’, per poi uscire e rientrare a turno a seconda dell’atto in cui recitavamo: recitare è significato vivere anche solo per una sera questa seconda vita per quel personaggio che era parte di te, che a dire il vero a distanza di una settimana ancora non riesci a mandare via, ti guardi allo specchio, ammicchi, gesticoli, canticchi.

A me non ha messo tantissima tensione fino al momento che sono capitato proprio dietro a quella quinta pronto ad entrare in scena, per un istante ho pensato che avrei potuto bloccarmi e sbagliare tutto, ma cosi’ non e’ stato… spero di aver strappato almeno qualche sorriso!

Francesco

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione Corsi

Mercoledì 5 Ottobre 2016 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O