11 buoni motivi per fare (o non fare) un corso di teatro

 

Se nella vostra lista dei buoni propositi di questo anno avete inserito un corso di teatro, vi invitiamo a leggere questo post con molta attenzione

Sperando che sia sufficiente a farvi cambiare idea. Oppure a confermare la vostra decisione. A meno che non siate disposti a correre il rischio.

 

5 OTTIMI MOTIVI PER NON FREQUENTARE UN CORSO DI TEATRO

 

1. Entrerai nuovamente in contatto con le tue emozioni imparando a riconoscerle ed accettarle come parte di te, riprenderai confidenza con il tuo corpo apprendendo il modo per esprimerti. Pensate che assurdità, con tutto l’impegno quotidiano profuso nello zittire sentimenti ed emozioni… roba da matti!

2. Lo farai attraverso il divertimento e la riscoperta del gioco. Divertimento, gioco, ma questa è roba da bambini! Possibile che io alla mia età possa ancora trovare uno spazio dove giocare e divertirsi sono le priorità e dove proprio attraverso queste modalità si arrivi a capire così tanto di sé stessi? Mha…

3. Capirai come fidarsi e abbandonarsi al prossimo riconoscendogli la capacità di accoglierci, è prima di tutto un viaggio dentro sé stessi. Incredibile! E tutti quei muri reali e ideali che costruiamo quotidianamente per proteggerci da tutto ciò che in quanto sconosciuto ci fa paura, che fine faranno?

4. Sarai parte di un gruppo. All’inizio sei sicuro che l’esperienza sarà solo per te, pensi di potercela fare a non affezionarti ai tuoi compagni di corso… Poi in men che non si dica ti ritrovi sempre più spesso a fare le ore piccole per parlare di tutto, per divertirsi, per supportarsi, per condividere. Non potete capire quante ore di sonno mi ha tolto tutto ciò. Io la mattina mi alzo presto!

5. Imparerai a superare i tuoi limiti! Attenzione cari lettori, perché questo più di tutti è tremendo, da questo non si torna più indietro. Ho visto compagni di corso che al primo incontro non riuscivano nemmeno a presentarsi, calcare il palco in occasione dello spettacolo di fine corso come se non avessero vissuto in nessun altro luogo fino a quel momento. Ho sentito voci tremanti che in teatro si trasformavano in timbri chiari, alti e definiti. E tutto questo è eccezionale perché il percorso della scuola ti fa capire come spesso i limiti che ci poniamo sono soprattutto nella nostra testa!

Questo è quanto. Ora sapete cosa succede a frequentare un corso di teatro. La scelta è vostra. Non dite poi che nessuno ve lo aveva detto.

 

11 BUONI MOTIVI PER FREQUENTARE UN CORSO DI TEATRO

 

1. Perché se stai leggendo questa frase qualcosa ti ha incuriosito e ci sarà pure una ragione per questa curiosità. E l’unico modo per capire la ragione di questa curiosità è provare a fare un corso di teatro!

2. Perché devo parlare spesso in pubblico/Perché non parlo mai in pubblico.

3. Iscriversi ad un corso di teatro è come prendersi cura di se stessi, permettersi di dare forma e voce a qualcosa di sé che di regola rimane nascosto. Per superare o almeno affrontare certe paure.

4. Per non essere te! E… avere maggiore autostima.

5. Perché è buffo fare finta di essere quello che non sei dovendoci comunque mettere del tuo!

6. Ho recitato sempre negli ultimi 37 anni, 24 ore al giorno, e mi sono accorto solo ora che non ne ero capace!

7. Per tirar fuori la parte più creativa, spensierata e comica di te stesso.

8. Per riscoprire il gusto del gioco ed entrare in contatto con le persone con una modalità diversa.

9. Perché il teatro è vita, è creatività, è sapersi relazionare agli altri nel modo più semplice e naturale possibile.

10. Per superare i propri limiti! Senza preoccuparti di quello che pensano le persone.

11. Per trovare te stesso e l’altra tua metà!

 

A questo punto, a voi la scelta!

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Cosa succede quando ti iscrivi ad un corso di teatro? di Erika Gherardotti

foto

C’è un luogo, a Firenze, dove le persone prima entrano con un po’ di circospetta titubanza e poi ne escono arricchiti e contenti, questo luogo non è un posto onirico o immaginario, non è una fabbrica di sogni irrealizzabili o di false speranze, ma una vera e propria Officina di emozioni. Emozioni che s’intessono, emozioni che si rivivono, emozioni che si scoprono.

E’ un luogo d’incontro, un posto in cui si fanno nuove amicizie, un rifugio in cui per tre ore alla settimana ci si può sentire protetti, ma allo stesso tempo liberi.

Un posto in cui si cresce, ma allo stesso tempo si torna bambini, sì: lì si può ancora giocare a “facciamo finta di”. Le distanze sono accorciate e le barriere abbattute: ti confronti, ti scontri, ti incontri, con persone. Non esistono né anziani, né giovani, né belli, né brutti. Esiste il gruppo. Non c’è distinzione di sesso o di razza, è veramente un luogo democratico fondato sull’uguaglianza.

Passato, presente e futuro si fondono quindi in un nuovo tempo, quello teatrale.

Si sputa, si suda e si lavora, si mette alla prova la nostra memoria, o meglio: l’alleniamo.

Si crea e si disfa, ci si veste e ci si sveste, ci si alza e ci si siede, si urla e si sussurra, ci si lascia trasportare dalla musica e poi dal silenzio, si apre e si chiude il sipario, si accendono e si spengono le luci, si aprono e si chiudono le palpebre, si piange e si ride… potrei andare avanti per indefiniti opposti che inesorabilmente, qui, si attraggono.

Tutti coloro che decidono di mettersi in gioco sanno che andranno incontro a giudizio, ma quello più importante è quello che dai a te stesso.

Quando si inizia questo percorso bisogna essere umili prima, pretenziosi durante, coscienziosi poi, e tornare umili.  Ciò che davvero conta è la strada che facciamo per raggiungere il risultato, non il risultato stesso. E in questa strada non siamo soli: siamo accompagnati dal gruppo e guidati dagli insegnanti Leonardo Torrini e Paolo Papini, sono quest’ultimi che ci fanno scoprire quali sono gli attrezzi giusti per lavorare al fine del raggiungimento del nostro obiettivo, una volta che ce li abbiamo “in mano”, questi strumenti, impariamo via, via, ad utilizzarli, come fossimo seduti davanti ad una grande macchina meccanica fatta di infiniti ingranaggi all’interno di un officina. Officina è proprio il nome di questo luogo, Officina Teatro ‘O.
L’intero percorso formativo della scuola di teatro prevede 3 anni di scuola:

CORSO BASE I anno: disinibizione, improvvisazione, senso del ridicolo, giochi vocali, respirazione, improvvisazione, il gesto, dizione e pronuncia, saggio finale

CORSI AVANZATI II e III anno: interpretazione, studio del personaggio, corpo vocale, copione mimico, messa in scena.

C’è poi la possibilità di frequentare due diversi LABORATORI a tema Garcia Lorca Voce Corpo Sentimento e Shakespeare Voce Corpo Sentimento, per chi ha finito la scuola o per chi ha già un po’ di esperienza teatrale.

Per chi ha più di 60 anni di età, c’è un corso espressamente dedicato: LA BELLA ETA’, progetto nato col patrocinio del Comune di Firenze e dei Quartieri 2 e 4.

 

Se vuoi saperne di più, partecipa alla presentazione dei corsi che si terrà Mercoledì 3 Ottobre 2018 alle ore 21.30, presso NEWSTAZ in Via Attavante, 5 Firenze.

 

Officina Teatro ‘O

Per info: 055.4684591 – 339.3318580 – 328.2793144 e-mail: info@teatroo.it.

Sito: www.teatroo.it Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

Erika Gherardotti

Teatro&Gioco: 7 motivi per tornare bambini con un corso di teatro

 

giocare a teatro in 7 punti

1

“To play” in inglese, “jouer” in francese e “spielen” in tedesco ci ricordano come giocare e recitare abbiano lo stesso significato in molte lingue. Un corso di recitazione deve sempre prevedere la gioia della scoperta e del gioco. Senza questi elementi il teatro stesso non esiste.

2

Il gioco consente sempre – quando giocato con le giuste regole – di esplorare i limiti delle proprie possibilità fisiche, mentali ed emozionali e di espanderli. Elementi base del gioco sono divertimento ed entusiasmo.

3

Il gioco influisce soprattutto sulla immaginazione di ogni allievo attore. Come? Favorendone sia la creatività che la scoperta dei lati più nascosti della sua personalità, creando anche un clima di fiducia reciproca tra tutti i partecipanti.

4

Ma come funziona il gioco in teatro – o meglio all’interno di un corso di recitazione? Iniziando semplicemente a giocare siamo già in grado di liberare la spontaneità e siamo chiamati a reagire con immediate risposte a stimoli provenienti dall’esterno. Proprio come un bambino che immagini di essere un supereroe, una cantante, un atleta olimpico o anche soltanto altro da sé. In questo modo possiamo superare le inibizioni provocate da una eccessiva vigilanza quanto mai razionale della nostra volontà e della nostra coscienza: più pensi a quello che stai facendo e più è difficile farlo!

5

Inibizioni e tensioni quotidiane bloccano l’allievo, l’attore e tutti noi. Per fortuna si può imparare a non bloccare il nostro naturale istinto a giocare/recitare. (proprio come è possibile apprendere a non bloccare il nostro naturale istinto di respirare)

6

Lavoriamo ed insegniamo in teatro da oltre venti anni, sulle tavole del palco abbiamo incontrato ed affrontato tanti problemi partendo da zero, cadendo in tutte le trappole che vi erano nascoste, uscendone sempre con qualche piccola certezza in più. Per questo crediamo che in un corso di recitazione sia fondamentale insegnare a non bloccare le nostre naturali abilità ed il nostro talento, a non inibire la nostra innata capacità di respirare e di lasciarci andare al gioco.

7

Altro non c’è se non tornare a giocare!

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Corsi di livello base – COMPLETO

Corsi di livello avanzato – COMPLETO

Laboratorio Shakespeare – COMPLETO

La Bella Età teatro per over 60 – COMPLETO

 

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Fino all’ultimo respiro – II parte

resp2

Respirare diminuisce stress e dolore

 

 

L’espirazione, ovvero quando si rilascia l’aria accumulata in precedenza, provoca il rilassamento in tutto il corpo: chi ha paura di lasciarsi andare totalmente spesso ha qualche difficoltà quando deve espirare completamente e anche dopo una espirazione «forzata» tratterrà ancora un po’ d’aria nel petto. In verità si tratta di una vera e propria difesa contro la paura di non essere capace di immettere abbastanza aria, cosa per altro non vera nella quasi totalità delle persone.

Una persona in queste condizioni, o nel nostro caso un attore, costretta a lasciare andare completamente l’aria, potrà reagire con panico inspirando subito per riempire nuovamente il petto, e riacquistare una riserva d’aria di sicurezza. Questa paura di perdere tutta l’aria è l’espressione fisiologica di perdere la propria sicurezza.

Problemi di inspirazione. Quando dobbiamo approvvigionarci di aria: le persone che hanno paura di prendere contatto con la realtà, hanno difficoltà a inspirare e, se aprono la gola per un respiro profondo, possono sentirsi terrorizzate.

A parte quello descritto dell’articolo precedente, c’è un altro modo di respirare quando il bisogno di ossigeno si fa più urgente, come, per esempio, in molte attività faticose. In questo caso sono mobilitati i muscoli del torace e nei movimenti respiratori è coinvolto il petto.

In alcune persone quando il petto si espande nella inspirazione, la pancia viene come inghiottita all’interno e ciò produce un grave disagio perché il movimento verso il basso dei polmoni si blocca. Senza considerare che un tempo (almeno ai miei) agli uomini che facevano il militare era intimato di avere «petto in fuori e pancia in dentro» che equivale ad un efficacissimo blocco. Anche le donne hanno avuto nei decenni passati i loro blocchi sociali, basti pensare alla pancia piatta che la moda ha sempre imposto (e non serve andare troppo indietro al tempo dei corsetti)

Tutto ciò conduce ad un respiro piatto e poco profondo in cui il petto si irrigidisce e la pancia si contrae. Inoltre in questo modo è possibile controllare lacrime e singhiozzi; è la tipica sensazione che esprimiamo dicendo: «ho un nodo allo stomaco».

Respirare bene è anche molto importante per quanto riguarda l’emissione della voce. Molte persone educate fin da piccoli a non disturbare soffocano in sé la loro voce producendo una forte chiusura della gola e limitando seriamente il respiro. Proprio per questo attraverso la bioenergetica bisogna incoraggiare le persone a lasciare andare il suono della voce facendo gli esercizi di respirazione. La libera emissione dei suono diminuisce infatti sia lo stress che il dolore. Basta solo provare.

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

Fino all’ultimo respiro – I parte

resp

Respirare è un semplice atto, forse il più naturale

Gli strumenti dell’attore sono essenzialmente il corpo, la voce ed i sentimenti. A ben vedere non ha bisogno di altro. Trucco, costumi, quinte, scene, musica ed altro sono un qualcosa in più che può servire o meno. Senza corpo voce e sentimenti invece non può esistere l’attore, non può esserci espressione e comunicazione.

Tutti e tre questi elementi possiedono un comune denominatore che è la respirazione, anzi una buona respirazione. Respirare è un semplice atto, forse il più naturale ed antico mai conosciuto. Attraverso il respiro assorbiamo l’ossigeno necessario ad alimentare le nostre energie ed i nostri corpi. In altre parole ci serve per vivere.
In effetti alla nascita non siamo affatto consapevoli di respirare, lo facciamo nel modo più spontaneo, libero, gratificante e completo possibile.

I problemi sorgono dopo, quando cresciamo, quando l’educazione, le esigenze sociali ed alcuni tabù ci costringono a conformarci ad alcuni modelli comportamentali che provocano un impoverimento ed una alterazione della cosiddetta respirazione naturale (e di conseguenza anche della voce naturale tanto cara a Kristin Linklater e valida per attori e cantanti) spesso per colpa di tensioni muscolari divenute croniche e sviluppatesi da conflitti emozionali.
Praticamente quasi ogni disturbo del respiro che abbiamo è dovuto a schemi creati negli anni, a blocchi inconsci o a particolari tensioni muscolari.

Talvolta il non riuscire a respirare con naturalezza può dipendere dalla paura di scoppiare in un pianto dirotto o dal timore di lasciarsi andare alle proprie emozioni.
Nella respirazione naturale e rilassata il diaframma si contrae e si abbassa permettendo ai polmoni di espandersi e gonfiarsi e quindi di incamerare la giusta quantità di aria spingendola verso il basso, in tal modo l’addome si allarga con un movimento verso l’esterno (in teatro spesso un po’ rudemente si dice gonfiare la pancia) . Il risultato? Il massimo di aria con il minimo sforzo.
La respirazione completa, naturale o ad onda che si voglia chiamare comincia profondamente nella pelvi e fluisce verso l’alto fino alla bocca; mentre avanza nel corpo, l’addome, il torace e la gola si espandono per accogliere l’aria. In molte persone tuttavia la gola è fortemente contratta e bloccata e impedisce l’espressione dei sentimenti che si possono manifestare fino ad arrivare anche a pianto e grida.

Per questo talvolta riuscire a piangere può sbloccare la tensione nella gola lasciando arrivare più liberamente l’aria al ventre. E’ quella sensazione di rilassamento e sollievo che tutti abbiamo provato almeno una volta al termine di un pianto dirotto.

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

Imparare a respirare per liberare le proprie emozioni

resp

Respirare è un semplice atto, forse il più naturale

Gli strumenti dell’attore sono essenzialmente il corpo, la voce ed i sentimenti. A ben vedere non ha bisogno di altro. Trucco, costumi, quinte, scene, musica ed altro sono un qualcosa in più che può servire o meno. Senza corpo voce e sentimenti invece non può esistere l’attore, non può esserci espressione e comunicazione.

Tutti e tre questi elementi possiedono un comune denominatore che è la respirazione, anzi una buona respirazione. Respirare è un semplice atto, forse il più naturale ed antico mai conosciuto. Attraverso il respiro assorbiamo l’ossigeno necessario ad alimentare le nostre energie ed i nostri corpi. In altre parole ci serve per vivere.
In effetti alla nascita non siamo affatto consapevoli di respirare, lo facciamo nel modo più spontaneo, libero, gratificante e completo possibile.

I problemi sorgono dopo, quando cresciamo, quando l’educazione, le esigenze sociali ed alcuni tabù ci costringono a conformarci ad alcuni modelli comportamentali che provocano un impoverimento ed una alterazione della cosiddetta respirazione naturale (e di conseguenza anche della voce naturale tanto cara a Kristin Linklater e valida per attori e cantanti) spesso per colpa di tensioni muscolari divenute croniche e sviluppatesi da conflitti emozionali.
Praticamente quasi ogni disturbo del respiro che abbiamo è dovuto a schemi creati negli anni, a blocchi inconsci o a particolari tensioni muscolari.

Talvolta il non riuscire a respirare con naturalezza può dipendere dalla paura di scoppiare in un pianto dirotto o dal timore di lasciarsi andare alle proprie emozioni.
Nella respirazione naturale e rilassata il diaframma si contrae e si abbassa permettendo ai polmoni di espandersi e gonfiarsi e quindi di incamerare la giusta quantità di aria spingendola verso il basso, in tal modo l’addome si allarga con un movimento verso l’esterno (in teatro spesso un po’ rudemente si dice gonfiare la panciresp2a) . Il risultato? Il massimo di aria con il minimo sforzo.
La respirazione completa, naturale o ad onda che si voglia chiamare comincia profondamente nella pelvi e fluisce verso l’alto fino alla bocca; mentre avanza nel corpo, l’addome, il torace e la gola si espandono per accogliere l’aria. In molte persone tuttavia la gola è fortemente contratta e bloccata e impedisce l’espressione dei sentimenti che si possono manifestare fino ad arrivare anche a pianto e grida.

Per questo talvolta riuscire a piangere può sbloccare la tensione nella gola lasciando arrivare più liberamente l’aria al ventre. (ed è quella sensazione di rilassamento e sollievo che tutti abbiamo provato almeno una volta al termine di un pianto dirotto)

Problemi di espirazione (quando si lascia andare l’aria) L’espirazione provoca il rilassamento in tutto il corpo: chi ha paura di lasciarsi andare totalmente spesso ha qualche difficoltà quando deve espirare completamente e anche dopo una espirazione «forzata» tratterrà ancora un po’ d’aria nel petto. In verità si tratta di una vera e propria difesa contro la paura di non essere capace di immettere abbastanza aria, cosa per altro non vera nella quasi totalità delle persone.

Una persona in queste condizioni, o nel nostro caso un attore, costretta a lasciare andare completamente l’aria, potrà reagire con panico inspirando subito per riempire nuovamente il petto, e riacquistare una riserva d’aria di sicurezza. Questa paura di perdere tutta l’aria è l’espressione fisiologica di perdere la propria sicurezza.

Problemi di inspirazione (quando dobbiamo approvvigionarci di aria) Le persone che hanno paura di prendere contatto con la realtà, hanno difficoltà a inspirare e, se aprono la gola per un respiro profondo, possono sentirsi terrorizzate.

A parte quello già descritto, c’è un altro modo di respirare quando il bisogno di ossigeno si fa più urgente, come, per esempio, in molte attività faticose. In questo caso sono mobilitati i muscoli del torace e nei movimenti respiratori è coinvolto il petto.

In alcune persone quando il petto si espande nella inspirazione, la pancia viene come inghiottita all’interno e ciò produce un grave disagio perché il movimento verso il basso dei polmoni si blocca. Senza considerare che un tempo (almeno ai miei) agli uomini che facevano il militare era intimato di avere «petto in fuori e pancia in dentro» che equivale ad un efficacissimo blocco. Anche le donne hanno avuto nei decenni passati i loro blocchi sociali, basti pensare alla pancia piatta che la moda ha sempre imposto (e non serve andare troppo indietro al tempo dei corsetti)

Tutto ciò conduce ad un respiro piatto e poco profondo in cui il petto si irrigidisce e la pancia si contrae. Inoltre in questo modo è possibile controllare lacrime e singhiozzi; è la tipica sensazione che esprimiamo dicendo: «ho un nodo allo stomaco».

Respirare bene è anche molto importante per quanto riguarda l’emissione della voce. Molte persone educate fin da piccoli a non disturbare soffocano in sé la loro voce producendo una forte chiusura della gola e limitando seriamente il respiro. Proprio per questo attraverso la bioenergetica bisogna incoraggiare le persone a lasciare andare il suono della voce facendo gli esercizi di respirazione. La libera emissione dei suono diminuisce infatti sia lo stress che il dolore. Basta solo provare.

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

Laboratorio Garcia Lorca – poesia passione e morte

 

volantinolab-staz-web

Laboratorio a tema – poesia passione e morte in Garcia Lorca

«Il teatro – diceva Federico Garcia Lorca – è uno degli strumenti più efficaci, più utili per l’edificazione di un paese, un barometro che ne registra la grandezza o il declino. Il teatro è una scuola di lacrime e risa, una tribuna libera dalla quale si possono difendere morali vecchie o equivoche, così come si possono portare alla luce, mediante esempi viventi, le leggi eterne del cuore e dei sentimenti umani»

Garcia Lorca come punto di partenza. I classici sono diventali tali perché trattano temi universali che colpiscono nel profondo l’animo umano in qualsiasi tempo e luogo. I testi, la poesia e la passione di Garcia Lorca sono il solido punto di partenza a cui appoggiarsi, ma l’arrivo è ignoto. Il lavoro del laboratorio sarà una esplorazione ed una ricerca continua la cui finalità ultima e naturale è la creazione di uno spettacolo.

È un laboratorio dedicato a chi ha già fatto corsi base di teatro o ha già esperienza di palcoscenico. Per chi vuole lavorare in gruppo giocando con le possibilità espressive dell’attore. Si lavorerà singolarmente e in gruppo sugli elementi base della recitazione: voce, corpo, sentimenti.

“Eliminando gradualmente tutto ciò che è superfluo, scopriamo che il teatro può esistere senza trucco, costumi e scenografie appositi, senza uno spazio scenico separato (il palcoscenico), senza gli effetti di luce e suono, eccetera. Non può esistere senza la relazione con lo spettatore in una comunione percettiva, diretta. Questa è un’antica verità… ”

(Jerzy Grotowski, Per un Teatro Povero)

 

Un incontro alla settimana di due ore e mezzo il giovedì alle 18.30

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

mercoledì 5 ottobre ore 21,30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

volantino20frontehires

Salire la prima volta sul palco – un’interminabile scaramuccia di attimi

 

 

11214312_974700575894376_8377325642598854651_n

Elio ci parla della sua prima volta sul palco. Una visione alterata, immaginifica e poetica del fare teatro

 

Ci fu un tempo… o meglio, un’interminabile scaramuccia di attimi, quasi un secolo di tante piccole ansie affilate, graffianti, funeste e l’attesa d’un’entrata in scena scavata come trincea di strazio.

 

Ci fu un tempo… e anche piuttosto lungo… Quel martellare discreto del cuore, il bisbigliare farneticante di battute strozzate, le sbirciatine oltre le quinte come l’approdo del prima possibile, gli abbracci clandestini per il comune salario dell’emozione, l’invocazione alla santa “merda, merda, merda” e poi…

 

… e poi un attimo, un lampo spezzato in un classique “notturno” e la naturalezza della vita a scorrazzare finalmente libera, disinibita, senza fronzoli se non quelli di scena, e con la spensieratezza d’un atto sognato e con la dizione dell’assoluto… ed è continuato così, senza pensare, ma con il dominio dell’unica evocazione possibile..cioè la misura di noi stessi che nemmeno uno “scontato” applauso può decidere!

Elio

 

VolantinoFronte.WEB

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

mercoledì 5 ottobre ore 21,30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Finalmente il laboratorio Shakespeare a Firenze Sud! di Paolo Papini

 

img_0612Laboratorio Shakespeare – voce corpo sentimento

La Officina Teatro ‘O – scuola di recitazione che proprio questo anno compie i 20 anni – arriva finalmente a Firenze sud con un laboratorio a tema su Shakespeare.

Shakespeare come punto di partenza. I classici sono diventali tali perché trattano temi universali che colpiscono nel profondo l’animo umano in qualsiasi tempo e luogo.

Shakespeare è il solido punto di partenza a cui appoggiarsi, ma l’arrivo è ignoto. Il lavoro del laboratorio sarà una esplorazione ed una ricerca continua la cui finalità ultima e naturale è la creazione di uno spettacolo.

È un laboratorio dedicatovolantinolab-fila-web a chi ha già fatto corsi base di teatro o ha già esperienza di palcoscenico. Per chi vuole lavorare in gruppo giocando con le possibilità espressive dell’attore. Si lavorerà singolarmente e in gruppo sugli elementi base della recitazione: voce, corpo, sentimenti.

“Eliminando gradualmente tutto ciò che è superfluo, scopriamo che il teatro può esistere senza trucco, costumi e scenografie appositi, senza uno spazio scenico separato (il palcoscenico), senza gli effetti di luce e suono, eccetera. Non può esistere senza la relazione con lo spettatore in una comunione percettiva, diretta. Questa è un’antica verità… ”

(Jerzy Grotowski, Per un Teatro Povero)

 

Un incontro alla settimana di due ore il mercoledì alle 18.30

Presso EX FILA via Leto Casini 11 Firenze Sud

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

mercoledì 5 ottobre ore 21,30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

volantino20frontehires

Cosa succede quando ti iscrivi ad un corso di teatro? di Erika Gherardotti

foto

C’è un luogo, a Firenze, dove le persone prima entrano con un po’ di circospetta titubanza e poi ne escono arricchiti e contenti, questo luogo non è un posto onirico o immaginario, non è una fabbrica di sogni irrealizzabili o di false speranze, ma una vera e propria Officina di emozioni. Emozioni che s’intessono, emozioni che si rivivono, emozioni che si scoprono.

Ricordi di un passato che sembrava appunto passato, ma che è ancora lì presente nella scatola della nostra memoria, pronto per essere ripreso, scomposto e utilizzato all’occasione, per far vivere, gioire o disperare questo o quell’altro personaggio.

E’ un luogo d’incontro, un posto in cui si fanno nuove amicizie, un rifugio in cui per tre ore alla settimana ci si può sentire protetti, ma allo stesso tempo liberi.

Un posto in cui si cresce, ma allo stesso tempo si torna bambini, sì: lì si può ancora giocare a “facciamo finta di” non importa che tu abbia 18 o 93 anni. Ed ecco che il giovane operaio diventa l’anziano datore di lavoro e il pensionato, con un passato da dirigente, diventa un giovane garzone. Le distanze sono accorciate e le barriere abbattute: ti confronti, ti scontri, ti incontri, con persone che appartengono alla tua, alla passata o alla futura generazione. Non esistono né anziani, né giovani, né belli, né brutti. Esiste il gruppo. Non c’è distinzione di sesso o di razza, è veramente un luogo democratico fondato sull’uguaglianza.

Passato, presente e futuro si fondono quindi in un nuovo tempo, quello teatrale.

Si sputa, si suda e si lavora, si mette alla prova la nostra memoria, o meglio: l’alleniamo.

Si crea e si disfa, ci si veste e ci si sveste, ci si alza e ci si siede, si urla e si sussurra, ci si abbraccia e ci si spinge, si salta e ci si sdraia, ci si lascia trasportare dalla musica e poi dal silenzio, si apre e si chiude il sipario, si accendono e si spengono le luci, si aprono e si chiudono le palpebre, si nasce e si muore, si piange e si ride, potrei andare avanti per indefiniti opposti che inesorabilmente, qui, si attraggono.

Tutti coloro che decidono di mettersi in gioco sanno che andranno incontro a giudizio, ma quello più importante è quello che dai a te stesso.

Quando si inizia questo percorso bisogna essere umili prima, pretenziosi durante, coscienziosi poi, e tornare umili, dopotutto, anche secondo il grande ordine delle cose, l’uomo è sempre un essere discente nei confronti della vita. Bisogna quindi non abbattersi nel caso in cui alla fine il risultato non è stato come quello sperato, quello che conta è la strada che facciamo per raggiungerlo. E in questa strada non siamo soli: siamo accompagnati dal gruppo e guidati dagli insegnanti Leonardo Torrini e Paolo Papini, sono quest’ultimi che ci fanno scoprire quali sono gli attrezzi giusti per lavorare al fine del raggiungimento del nostro obiettivo, una volta che ce li abbiamo “in mano”, questi strumenti, impariamo via, via, ad utilizzarli, come fossimo seduti davanti ad una grande macchina meccanica fatta di infiniti ingranaggi all’interno di un officina. Officina è proprio il nome di questo luogo, Officina Teatro ‘O.
L’intero percorso formativo della scuola di teatro prevede 3 anni di scuola:

CORSO BASE I anno: disinibizione, improvvisazione, senso del ridicolo, giochi vocali, respirazione, improvvisazione, il gesto, dizione e pronuncia, saggio finale

CORSI AVANZATI II e III anno: interpretazione, studio del personaggio, corpo vocale, copione mimico, messa in scena.

C’è poi la possibilità di frequentare due diversi LABORATORI a tema Shakespeare Voce Corpo Sentimento e Garcia Lorca Voce Corpo Sentimento, per chi ha finito la scuola o per chi ha già una qualche esperienza teatrale.

Per chi ha più di 60 anni di età, c’è un corso espressamente dedicato: LA BELLA ETA’, progetto nato col patrocinio del Comune di Firenze e dei Quartieri 2 e 4.

 

Se vuoi saperne di più, partecipa alla presentazione dei corsi che si terrà Martedì 3 Ottobre 2017 alle ore 21.30, presso NEWSTAZ in Via Attavante, 5 Firenze.

 

Officina Teatro ‘O

Per info: 055.4684591 – 339.3318580 – 328.2793144 e-mail: info@teatroo.it.

Sito: www.teatroo.it Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

Erika Gherardotti

Teatro&Gioco: 7 motivi per cui un corso di teatro vi farà tornare bambini

 

Image-1

i 7 punti del gioco teatrale

1

“To play” in inglese, “jouer” in francese e “spielen” in tedesco ci ricordano come giocare e recitare abbiano lo stesso significato in molte lingue. Un corso di recitazione deve sempre prevedere la gioia della scoperta e del gioco. Senza questi elementi il teatro stesso non esiste.

2

Il gioco consente sempre – quando giocato con le giuste regole – di esplorare i limiti delle proprie possibilità fisiche, mentali ed emozionali e di espanderli. Elementi base del gioco sono divertimento ed entusiasmo.

3

Il gioco influisce soprattutto sulla immaginazione di ogni allievo attore. Come? Favorendone sia la creatività che la scoperta dei lati più nascosti della sua personalità, creando anche un clima di fiducia reciproca tra tutti i partecipanti.

4

Ma come funziona il gioco in teatro – o meglio all’interno di un corso di recitazione? Iniziando semplicemente a giocare siamo già in grado di liberare la spontaneità e siamo chiamati a reagire con immediate risposte a stimoli provenienti dall’esterno. Proprio come un bambino che immagini di essere un supereroe, una cantante, un atleta olimpico o anche soltanto altro da sé. In questo modo possiamo superare le inibizioni provocate da una eccessiva vigilanza quanto mai razionale della nostra volontà e della nostra coscienza: più pensi a quello che stai facendo e più è difficile farlo!

5

Inibizioni e tensioni quotidiane bloccano l’allievo, l’attore e tutti noi. Per fortuna si può imparare a non bloccare il nostro naturale istinto a giocare/recitare. (proprio come è possibile apprendere a non bloccare il nostro naturale istinto di respirare)

6

Lavoriamo ed insegniamo in teatro da oltre venti anni, sulle tavole del palco abbiamo incontrato ed affrontato tanti problemi partendo da zero, cadendo in tutte le trappole che vi erano nascoste, uscendone sempre con qualche piccola certezza in più. Per questo crediamo che in un corso di recitazione sia fondamentale insegnare a non bloccare le nostre naturali abilità ed il nostro talento, a non inibire la nostra innata capacità di respirare e di lasciarci andare al gioco.

7

Altro non c’è se non tornare a giocare!

 

Volantino20Fronte.WEBOfficina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

EX-Fila Via Leto Casini 5 Firenze sud

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

27 (buoni) motivi per fare un corso di teatro

Abbiamo selezionato, torchiato, messo alle corde più di 100 persone che nella loro vita abbiano partecipato ad almeno un corso di teatro.
Abbiamo scelto 27 di loro. 27 risposte ad una unica domanda:

PERCHE’ ISCRIVERSI AD UN CORSO DI TEATRO?

Buona lettura!

 

Perché fare un corso di teatro? Perché se state leggendo questa frase qualcosa vi ha incuriosito e ci sarà pure una ragione per questa curiosità. E l’unico modo per capire la ragione di questa curiosità è provare a fare un corso di teatro!
S.

Perché devo parlare spesso in pubblico/Perché non parlo mai in pubblico
M.

Iscriversi ad un corso di teatro è come prendersi cura di se stessi, permettersi di dare forma e voce a qualcosa di se che di regola rimane nascosto. Come possibilità di superare o almeno affrontare certe paure
F.

Per osare di più
S.

Perché ha la capacità di farti diventare chiunque, con capacità e modi di reagire che nella vita reale non ti puoi permettere. Perché riesce a far uscire parti di noi che purtroppo di solito rimangono in un angolo nascosto dentro, ma sono lì, ed hanno bisogno di uscire
N.

Per non essere te!
C.

Per avere maggiore autostima
F.

Fare un corso di teatro per sfidare e conoscere se stessi. Stare insieme agli altri e condividere esperienze ed emozioni
D.

Perché è buffo fare finta di essere quello che non sei dovendoci comunque mettere del tuo!
N.

Ho recitato sempre negli ultimi 37 anni, 24 ore al giorno, e mi sono accorto solo ora che non ne ero capace!
P.

Per tirar fuori la parte più creativa, spensierata e comica di sé stessi
T.

Per riappropriarti di una parte di te, riscoprire il gusto del gioco, caricarti di nuova energia e provare la sana e indimenticabile adrenalina del palco
A.

Per esprimermi meglio…
E.

Per entrare in contatto con le persone con una modalità diversa. Per divertirsi con le proprie maschere, per…
V.

Perché mi piace “scoprirmi”
M.

 

Perché è… terapeutico, per tutti
P.

Perché è un fantastico mezzo per conoscere se stessi ed emozionare
L.

Già lo ero disinibita ma ora di quasi niente oramai mi imbarazzo e mi vergogno
D.

Per mettersi in gioco e scoprire parti di se stessi che fanno paura, ma che se si vuole vivere un po’ più a pieno, inevitabilmente devono essere affrontate. (Almeno personalmente) In più per conoscere persone nuove, a volte anche migliori… grazie a voi!
L.

Per mettersi in gioco con se stessi e con gli altri
S.

Provare a vivere le varie Facce che ci sono in te, anche quelle che ti fanno paura. O che odi, ami, disprezzi… imparare a interpretarle x poi abbandonarle…
S.

Perché il teatro è vita, è creatività, è sapersi relazionare agli altri nel modo più semplice e naturale possibile. Cerco di apprezzare tutto ciò che con la nostra persona riusciamo a fare. Un’esperienza che mi ha dato tanto e spero continuerà a darmi anche in futuro!
G.

Per superare i propri limiti!
E.

Per poter stare bene dentro e fuori di me, aver trovato la formula, finalmente, di liberare lo stato d’animo, tutte le sensazioni, tutte le emozioni nel bene e nel male senza preoccuparmi di quello che pensano le persone
D.

Per trovare te stesso e l’altra tua metà!
S.

Per esercitare la libera espressività – prendere maggiore confidenza con i movimenti e il linguaggio – per regalarmi un momento, una esperienza solo mia completamente diversa dal resto!

V.

Per mettersi in gioco, socializzare, uscire dai (propri) schemi, giocare, provare le emozioni che l’Arte può dare
F.

 

 

 

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

Mercoledì 2 ottobre ore 21,30

Newstaz Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

ADDIO LIBRERIA EDISON

20121002-085025.jpg

Riprendiamo e pubblichiamo, con l’autorizzazione dell’autrice, una sentita lettera riferita alla imminente chiusura della Libreria Edison.

LETTERA APERTA: ADDIO LIBRERIA EDISON

La mia Firenze…

Come il tapis-roulant della torre di Londra: guarda, scorri, non toccare e vai via.

Sedersi in contemplazione?: non ti azzardare neanche a pensarlo!

Al fine di garantire l’esistenza di un luogo di aggregazione e diffusione culturale, sull’immobile sito in piazza della Repubblica 27/r il Regolamento Comunale impone un vincolo di destinazione d’uso sul 70% della sua superficie.

Quando la società Effe.com è riuscita a divenire proprietaria di quell’immobile così vincolato, dove Libreria Edison da anni esercitava un’attività conforme alle normative comunali, ne conosceva l’esatto valore.

Il gruppo Feltrinelli sostiene di avere fatto un semplice investimento immobiliare come tanti altri con quell’acquisto; e che il fatto che in quell’immobile esercitasse la sua attività l’unica libreria realmente loro concorrente sul territorio fiorentino fosse una semplice casualità.

Il gruppo Feltrinelli ha commesso un errore, comprando un immobile senza accorgersi che era vincolato?

Oppure ha effettuato una speculazione immobiliare molto intelligente, confidando nella prassi tutta italiana “la legge c’è, ma se vi dà fastidio rispettarla si cambia o si aggira senza problemi”?

Nella questione in oggetto sono due gli aspetti sui quali vorrei invitare alla riflessione.

Il primo concerne una questione di valori.

Nel 2004, la società immobiliare Effe.com – partecipata del gruppo Feltrinelli – ha comprato la società Repubblica s.r.l., proprietaria di un fondo a Firenze: l’immobile sito in piazza della Repubblica , dove già da diversi anni Libreria Edison svolgeva la propria attività.

Effe.com è così divenuta proprietaria del fondo senza che esso fosse messo in vendita, eludendo di fatto il diritto di prelazione all’acquisto che Libreria Edison – in quanto affittuaria – avrebbe potuto vantare se – come non è stato – l’immobile fosse stato venduto.

Nella partita Libreria Edison vs Librerie Feltrinelli, quest’ultima risulta pertanto la squadra vincitrice: non perché più motivata, meglio allenata, più capace; bensì perché – avendone la possibilità economica – ha di fatto comprato le scarpe dei giocatori della squadra avversaria, costringendola al ritiro dal campionato.

Come sarebbe andata se Libreria Edison avesse potuto continuare a giocare con le scarpe ai piedi, è storia che non sapremo mai.

L’arbitro interpellato da Libreria Edison a esprimersi su quello che sembrava un fallo grave, ha dato giudizio di gioco corretto.

E lo dobbiamo accettare.

A tutte le squadre impegnate in qualunque campionato però chiedo: è questo il gioco che vogliamo fare e vedere? Sono questi i valori sportivi che ci sono stati insegnati e che vogliamo insegnare ai nostri figli?

Il secondo aspetto sul quale vorrei invitare alla riflessione i cittadini e l’Amministrazione Comunale…il mio Sindaco…che li rappresenta, riguarda l’ipotesi di “aggirare” o eliminare il vincolo dal P.R.G., con la motivazione che “è meglio un Hard Rock Caffè o un Eataly piuttosto che due locali chiusi”.

I fautori di questa linea portano a sostegno della propria tesi la crisi del mercato del libro.

Sono una libraia e faccio questo mestiere da undici anni.

E’ vero: il mercato del libro ha subito – come tutte le attività – una crisi sensibile negli ultimi tempi.

Essendo il prezzo del libro imposto dall’editore, è questa un’attività commercialmente molto vincolata ed è pertanto lavoro difficile e impegnativo – e per alcune librerie impossibile – restare sul mercato in questo momento storico.

Così non è per piazza della Repubblica a Firenze: è questa una delle poche location nelle quali una libreria ben gestita può restare sul mercato e ben fatturare anche in questo periodo di crisi economica.

Levare il vincolo sull’immobile, levare la Libreria da questa piazza, vuol dire togliere drasticamente a Firenze la possibilità di avere una Libreria:punto di riferimento sociale oltreché culturale per tutti i cittadini di ogni fascia di età e condizione sociale, come di poche altre attività si può dire.

Quante volte in un mese e per quanti diversi motivi si può avere voglia di entrare in Libreria?

Quante volte in un mese e per quanti motivi si può avere voglia di entrare in un Apple store?

Sono una dipendente della Libreria Edison, che a breve perderà il posto di lavoro e il proprio mestiere.

E sono una cittadina di Firenze, che a breve vedrà gli anziani e i bambini e le fasce sociali più deboli private di uno spazio fruibile e costrette ai margini di questa piazza. Mentre i giovani scorrono veloci sul tapis…

…ma per andare dove??

Firenze, 28 settembre 2012
Maddalena Scarlino

27 (buoni) motivi per fare un corso di teatro


Abbiamo selezionato, torchiato, messo alle corde più di 100 persone che hanno fatto nella loro vita almeno un corso di teatro.
Abbiamo scelto 27 di loro. 27 risposte ad una unica domanda:

PERCHE’ FARE UN CORSO DI TEATRO?

Buona lettura e se avete il vostro personale motivo n° 28, commentate il post facendoci conoscere la vostra esperienza.
Iniziamo…

Fare un corso di teatro per sfidare e conoscere se stessi. Stare insieme agli altri e condividere esperienze ed emozioni
D.

Perché fare un corso di teatro? Perché se state leggendo questa frase qualcosa vi ha incuriosito e ci sarà pure una ragione per questa curiosità. E l’unico modo per capire la ragione di questa curiosità è provare a fare un corso di teatro!
S.

Perché devo parlare spesso in pubblico/Perché non parlo mai in pubblico
M.

Iscriversi ad un corso di teatro è come prendersi cura di se stessi, permettersi di dare forma e voce a qualcosa di se che di regola rimane nascosto. Come possibilità di superare o almeno affrontare certe paure
F.

Per osare di più
S.

Perché ha la capacità di farti diventare chiunque, con capacità e modi di reagire che nella vita reale non ti puoi permettere. Perché riesce a far uscire parti di noi che purtroppo di solito rimangono in un angolo nascosto dentro, ma sono lì, ed hanno bisogno di uscire
N.

Per nn essere te!
C.

Per avere maggiore autostima
F.

Perché è buffo fare finta di essere quello che non sei dovendoci comunque mettere del tuo!
N.

Ho recitato sempre negli ultimi 50 anni, 24 ore al giorno, e mi sono accorto solo ora che non ne ero capace!
P.

Per tirar fuori la parte più creativa, spensierata e comica di sé stessi
T.

Per riappropriarti di una parte di te, riscoprire il gusto del gioco, caricarti di nuova energia e provare la sana e indimenticabile adrenalina del palco
A.

Per esprimermi meglio…
E.

Per entrare in contatto con le persone con una modalità diversa. Per divertirsi con le proprie maschere, per…
V.

Perché mi piace “scoprirmi”
M.

Perché è… terapeutico, per tutti
P.

Perché è un fantastico mezzo per conoscere se stessi ed emozionare
L.

Già lo ero disinibita ma ora di quasi niente oramai mi imbarazzo e mi vergogno
D.

Per mettersi in gioco e scoprire parti di se stessi che fanno paura, ma che se si vuole vivere un po’ più a pieno, inevitabilmente devono essere affrontate. (Almeno personalmente) In più per conoscere persone nuove, a volte anche migliori… grazie a voi!
L.

Per mettersi in gioco con se stessi e con gli altri
S.

Provare a vivere le varie Facce che ci sono in te, anche quelle che ti fanno paura. O che odi, ami, disprezzi… imparare a interpretarle x poi abbandonarle…
S.

Perché il teatro è vita, è creatività, è sapersi relazionare agli altri nel modo più semplice e naturale possibile. Cerco di apprezzare tutto ciò che con la nostra persona riusciamo a fare. Un’esperienza che mi ha dato tanto e spero continuerà a darmi anche in futuro!
G.

Per superare i propri limiti!
E.

Per poter stare bene dentro e fuori di me, aver trovato la formula, finalmente, di liberare lo stato d’animo, tutte le sensazioni, tutte le emozioni nel bene e nel male senza preoccuparmi di quello che pensano le persone
D.

Per trovare te stesso e l’altra tua metà!
S.

Per esercitare la libera espressività – prendere maggiore confidenza con i movimenti e il linguaggio – per regalarmi un momento, una esperienza solo mia completamente diversa dal resto!
V.

Per mettersi in gioco, socializzare, uscire dai (propri) schemi, giocare, provare le emozioni che l’Arte può dare
F.

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

mercoledì 3 ottobre ore 21,30 NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O