Teatro&Gioco: 7 motivi per tornare bambini con un corso di teatro

 

Image-1

giocare a teatro in 7 punti

1

“To play” in inglese, “jouer” in francese e “spielen” in tedesco ci ricordano come giocare e recitare abbiano lo stesso significato in molte lingue. Un corso di recitazione deve sempre prevedere la gioia della scoperta e del gioco. Senza questi elementi il teatro stesso non esiste.

2

Il gioco consente sempre – quando giocato con le giuste regole – di esplorare i limiti delle proprie possibilità fisiche, mentali ed emozionali e di espanderli. Elementi base del gioco sono divertimento ed entusiasmo.

3

Il gioco influisce soprattutto sulla immaginazione di ogni allievo attore. Come? Favorendone sia la creatività che la scoperta dei lati più nascosti della sua personalità, creando anche un clima di fiducia reciproca tra tutti i partecipanti.

4

Ma come funziona il gioco in teatro – o meglio all’interno di un corso di recitazione? Iniziando semplicemente a giocare siamo già in grado di liberare la spontaneità e siamo chiamati a reagire con immediate risposte a stimoli provenienti dall’esterno. Proprio come un bambino che immagini di essere un supereroe, una cantante, un atleta olimpico o anche soltanto altro da sé. In questo modo possiamo superare le inibizioni provocate da una eccessiva vigilanza quanto mai razionale della nostra volontà e della nostra coscienza: più pensi a quello che stai facendo e più è difficile farlo!

5

Inibizioni e tensioni quotidiane bloccano l’allievo, l’attore e tutti noi. Per fortuna si può imparare a non bloccare il nostro naturale istinto a giocare/recitare. (proprio come è possibile apprendere a non bloccare il nostro naturale istinto di respirare)

6

Lavoriamo ed insegniamo in teatro da oltre venti anni, sulle tavole del palco abbiamo incontrato ed affrontato tanti problemi partendo da zero, cadendo in tutte le trappole che vi erano nascoste, uscendone sempre con qualche piccola certezza in più. Per questo crediamo che in un corso di recitazione sia fondamentale insegnare a non bloccare le nostre naturali abilità ed il nostro talento, a non inibire la nostra innata capacità di respirare e di lasciarci andare al gioco.

7

Altro non c’è se non tornare a giocare!

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Corsi di livello base – 2 posti disponibili

Corsi di livello avanzato – 2 posti disponibili

Laboratorio Shakespeare – COMPLETO

La Bella Età teatro per over 60 – COMPLETO

 

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Annunci

Salire la prima volta sul palco – un’interminabile scaramuccia di attimi

 

 

11214312_974700575894376_8377325642598854651_n

Elio ci parla della sua prima volta sul palco. Una visione alterata, immaginifica e poetica del fare teatro

 

Ci fu un tempo… o meglio, un’interminabile scaramuccia di attimi, quasi un secolo di tante piccole ansie affilate, graffianti, funeste e l’attesa d’un’entrata in scena scavata come trincea di strazio.

 

Ci fu un tempo… e anche piuttosto lungo… Quel martellare discreto del cuore, il bisbigliare farneticante di battute strozzate, le sbirciatine oltre le quinte come l’approdo del prima possibile, gli abbracci clandestini per il comune salario dell’emozione, l’invocazione alla santa “merda, merda, merda” e poi…

 

… e poi un attimo, un lampo spezzato in un classique “notturno” e la naturalezza della vita a scorrazzare finalmente libera, disinibita, senza fronzoli se non quelli di scena, e con la spensieratezza d’un atto sognato e con la dizione dell’assoluto… ed è continuato così, senza pensare, ma con il dominio dell’unica evocazione possibile..cioè la misura di noi stessi che nemmeno uno “scontato” applauso può decidere!

Elio

 

VolantinoFronte.WEB

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

mercoledì 5 ottobre ore 21,30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Finalmente il laboratorio Shakespeare a Firenze Sud! di Paolo Papini

 

img_0612Laboratorio Shakespeare – voce corpo sentimento

La Officina Teatro ‘O – scuola di recitazione che proprio questo anno compie i 20 anni – arriva finalmente a Firenze sud con un laboratorio a tema su Shakespeare.

Shakespeare come punto di partenza. I classici sono diventali tali perché trattano temi universali che colpiscono nel profondo l’animo umano in qualsiasi tempo e luogo.

Shakespeare è il solido punto di partenza a cui appoggiarsi, ma l’arrivo è ignoto. Il lavoro del laboratorio sarà una esplorazione ed una ricerca continua la cui finalità ultima e naturale è la creazione di uno spettacolo.

È un laboratorio dedicatovolantinolab-fila-web a chi ha già fatto corsi base di teatro o ha già esperienza di palcoscenico. Per chi vuole lavorare in gruppo giocando con le possibilità espressive dell’attore. Si lavorerà singolarmente e in gruppo sugli elementi base della recitazione: voce, corpo, sentimenti.

“Eliminando gradualmente tutto ciò che è superfluo, scopriamo che il teatro può esistere senza trucco, costumi e scenografie appositi, senza uno spazio scenico separato (il palcoscenico), senza gli effetti di luce e suono, eccetera. Non può esistere senza la relazione con lo spettatore in una comunione percettiva, diretta. Questa è un’antica verità… ”

(Jerzy Grotowski, Per un Teatro Povero)

 

Un incontro alla settimana di due ore il mercoledì alle 18.30

Presso EX FILA via Leto Casini 11 Firenze Sud

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

mercoledì 5 ottobre ore 21,30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

volantino20frontehires

Teatro&Gioco: 7 motivi per cui un corso di teatro vi farà tornare bambini

 

Image-1

i 7 punti del gioco teatrale

1

“To play” in inglese, “jouer” in francese e “spielen” in tedesco ci ricordano come giocare e recitare abbiano lo stesso significato in molte lingue. Un corso di recitazione deve sempre prevedere la gioia della scoperta e del gioco. Senza questi elementi il teatro stesso non esiste.

2

Il gioco consente sempre – quando giocato con le giuste regole – di esplorare i limiti delle proprie possibilità fisiche, mentali ed emozionali e di espanderli. Elementi base del gioco sono divertimento ed entusiasmo.

3

Il gioco influisce soprattutto sulla immaginazione di ogni allievo attore. Come? Favorendone sia la creatività che la scoperta dei lati più nascosti della sua personalità, creando anche un clima di fiducia reciproca tra tutti i partecipanti.

4

Ma come funziona il gioco in teatro – o meglio all’interno di un corso di recitazione? Iniziando semplicemente a giocare siamo già in grado di liberare la spontaneità e siamo chiamati a reagire con immediate risposte a stimoli provenienti dall’esterno. Proprio come un bambino che immagini di essere un supereroe, una cantante, un atleta olimpico o anche soltanto altro da sé. In questo modo possiamo superare le inibizioni provocate da una eccessiva vigilanza quanto mai razionale della nostra volontà e della nostra coscienza: più pensi a quello che stai facendo e più è difficile farlo!

5

Inibizioni e tensioni quotidiane bloccano l’allievo, l’attore e tutti noi. Per fortuna si può imparare a non bloccare il nostro naturale istinto a giocare/recitare. (proprio come è possibile apprendere a non bloccare il nostro naturale istinto di respirare)

6

Lavoriamo ed insegniamo in teatro da oltre venti anni, sulle tavole del palco abbiamo incontrato ed affrontato tanti problemi partendo da zero, cadendo in tutte le trappole che vi erano nascoste, uscendone sempre con qualche piccola certezza in più. Per questo crediamo che in un corso di recitazione sia fondamentale insegnare a non bloccare le nostre naturali abilità ed il nostro talento, a non inibire la nostra innata capacità di respirare e di lasciarci andare al gioco.

7

Altro non c’è se non tornare a giocare!

 

Volantino20Fronte.WEBOfficina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

EX-Fila Via Leto Casini 5 Firenze sud

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

27 (buoni) motivi per fare un corso di teatro

Abbiamo selezionato, torchiato, messo alle corde più di 100 persone che nella loro vita abbiano partecipato ad almeno un corso di teatro.
Abbiamo scelto 27 di loro. 27 risposte ad una unica domanda:

PERCHE’ FARE UN CORSO DI TEATRO?

Buona lettura!

 

Perché fare un corso di teatro? Perché se state leggendo questa frase qualcosa vi ha incuriosito e ci sarà pure una ragione per questa curiosità. E l’unico modo per capire la ragione di questa curiosità è provare a fare un corso di teatro!
S.

Perché devo parlare spesso in pubblico/Perché non parlo mai in pubblico
M.

Iscriversi ad un corso di teatro è come prendersi cura di se stessi, permettersi di dare forma e voce a qualcosa di se che di regola rimane nascosto. Come possibilità di superare o almeno affrontare certe paure
F.

Per osare di più
S.

Perché ha la capacità di farti diventare chiunque, con capacità e modi di reagire che nella vita reale non ti puoi permettere. Perché riesce a far uscire parti di noi che purtroppo di solito rimangono in un angolo nascosto dentro, ma sono lì, ed hanno bisogno di uscire
N.

Per non essere te!
C.

Per avere maggiore autostima
F.

Fare un corso di teatro per sfidare e conoscere se stessi. Stare insieme agli altri e condividere esperienze ed emozioni
D.

Perché è buffo fare finta di essere quello che non sei dovendoci comunque mettere del tuo!
N.

Ho recitato sempre negli ultimi 37 anni, 24 ore al giorno, e mi sono accorto solo ora che non ne ero capace!
P.

Per tirar fuori la parte più creativa, spensierata e comica di sé stessi
T.

Per riappropriarti di una parte di te, riscoprire il gusto del gioco, caricarti di nuova energia e provare la sana e indimenticabile adrenalina del palco
A.

Per esprimermi meglio…
E.

Per entrare in contatto con le persone con una modalità diversa. Per divertirsi con le proprie maschere, per…
V.

Perché mi piace “scoprirmi”
M.

st

Perché è… terapeutico, per tutti
P.

Perché è un fantastico mezzo per conoscere se stessi ed emozionare
L.

Già lo ero disinibita ma ora di quasi niente oramai mi imbarazzo e mi vergogno
D.

Per mettersi in gioco e scoprire parti di se stessi che fanno paura, ma che se si vuole vivere un po’ più a pieno, inevitabilmente devono essere affrontate. (Almeno personalmente) In più per conoscere persone nuove, a volte anche migliori… grazie a voi!
L.

Per mettersi in gioco con se stessi e con gli altri
S.

Provare a vivere le varie Facce che ci sono in te, anche quelle che ti fanno paura. O che odi, ami, disprezzi… imparare a interpretarle x poi abbandonarle…
S.

Perché il teatro è vita, è creatività, è sapersi relazionare agli altri nel modo più semplice e naturale possibile. Cerco di apprezzare tutto ciò che con la nostra persona riusciamo a fare. Un’esperienza che mi ha dato tanto e spero continuerà a darmi anche in futuro!
G.

Per superare i propri limiti!
E.

Per poter stare bene dentro e fuori di me, aver trovato la formula, finalmente, di liberare lo stato d’animo, tutte le sensazioni, tutte le emozioni nel bene e nel male senza preoccuparmi di quello che pensano le persone
D.

Per trovare te stesso e l’altra tua metà!
S.

Per esercitare la libera espressività – prendere maggiore confidenza con i movimenti e il linguaggio – per regalarmi un momento, una esperienza solo mia completamente diversa dal resto!
V.

Per mettersi in gioco, socializzare, uscire dai (propri) schemi, giocare, provare le emozioni che l’Arte può dare
F.

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione dei corsi

martedì 3 ottobre ore 21,30

Newstaz Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni
Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

TEATRO DELLA PERGOLA Firenze e Officina Teatro ‘O

 

 pergo

Con particolare piacere comunichiamo la gradita conferma che tra i teatri convenzionati con la Officina Teatro ‘O anche questo anno ci sarà il TEATRO DELLA PERGOLA di Firenze.

Cartellone interessantissimo e folto di spettacoli, attori e registi di primo livello: Umberto Orsini, Massimo Popolizio, Elisabetta Pozzi, Gabriele Lavia, Peter Brook, Luca Zingaretti, Fabrizio Bentivoglio, Sergio Rubini… Qui sotto troverete il ricco cartellone, buona lettura.

Da questo anno, novità, sarà possibile per i nostri allievi ed iscritti poter sottoscrivere anche gli abbonamenti a prezzi speciali! Per le informazioni riguardo alla convenzione tra il TEATRO DELLA PERGOLA e la OFFICINA TEATRO ‘O per i nostri allievi ed associati potete contattare:

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Presentazione Corsi Teatro Officina Teatro ‘O
giovedì 1 ottobre ore 21,30 NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

 

PROGRAMMA STAGIONE 2015-2016

TEATRO DELLA PERGOLA di Firenze

 

28 ottobre – 12 novembre 2015 (riposo 2 novembre)

Gabriele Lavia

VITA DI GALILEO

di Bertolt Brecht

con Gabriele Lavia

17– 22 novembre 2015

Pino Micol e Vittorio Viviani

LA BOTTEGA DEL CAFFÈ

di Carlo Goldoni

 

24 – 29 novembre 2015

Fabrizio Bentivoglio e Sergio Rubini

in

PROVANDO… DOBBIAMO PARLARE

uno spettacolo scritto da Sergio Rubini regia Sergio Rubini

 

1 – 6 dicembre 2015

L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTÙ

di Luigi Pirandello

con Geppy Gleijeses

regia Giuseppe Dipasquale

 

8– 20 dicembre 2015 (riposo 14 dicembre)

Luca Zingaretti

The PRIDE

di Alexi Kaye Campbell

regia Luca Zingaretti

28 dicembre 2015 – 3 gennaio 2016

Emilio Solfrizzi

SARTO PER SIGNORA

di Georges Feydeau

regia Valerio Binasco

 

12 – 17 gennaio 2016

Luca De Filippo

NON TI PAGO

di Eduardo De Filippo

regia Luca De Filippo

 

19 – 24 gennaio 2016

Umberto Orsini

IL PREZZO (THE PRICE)

di Arthur Miller

con Massimo Popolizio

regia Massimo Popolizio

 

26 – 31 gennaio 2016

Teatro Stabile di Napoli / Teatro Stabile di Catania

ORESTEA – Agamennone

di Eschilo

regia Luca De Fusco

 

2 – 7 febbraio 2016

ORESTEA – Coefore / Eumenidi

di Eschilo

con Elisabetta Pozzi

regia Luca De Fusco

 

11 – 21 febbraio 2016 (riposo 15 febbraio)

Alessio Boni, Marcello Prayer

I DUELLANTI

di Joseph Conrad

regia Alessio Boni, Roberto Aldorasi

 

23 – 24 febbraio 2016 PRIMA NAZIONALE

IL GIARDINO DEI CILIEGI (LIVADA DE VIŞINI)

di Anton Čechov

spettacolo in rumeno con sovratitoli in italiano

26 febbraio – 6 marzo 2016 (riposo 29 febbraio)

CASA DI BAMBOLA

di Henrik Ibsen

con Filippo Timi

regia Andrée Ruth Shammah

8 – 13 marzo 2016

Rocco Papaleo

BUENA ONDA

di Rocco Papaleo e Valter Lupo

regia di Valter Lupo

 

15 – 24 marzo 2016 (riposo 21 marzo)

Anna Marchesini

racconta

CIRINO E MARILDA NON SI PUÒ FARE

di Anna Marchesini

 

26 aprile – 1 maggio 2016

Sebastiano Lo Monaco

IL MIO NOME È NESSUNO

L’Ulisse

di Valerio Massimo Manfredi

regia Alessio Pizzech

 

EVENTO SPECIALE: LA CONTRORA

15 – 24 aprile 2016 (riposo 18 aprile)

Pierfrancesco Favino

LA CONTRORA

tratto da Le tre sorelle di Anton Čechov

con Pierfrancesco Favino, 12 attori, 4 musicisti

musiche eseguite dal vivo

 

3 – 8 maggio 2016

Eugenio Finardi e Federico Marignetti

MUSICA RIBELLE

La forza dell’amore

Il musical

regia Emanuele Gamba

24 – 25 maggio 2016

BATTLEFIELD

di Peter Brook

regia Peter Brook e Marie-Hélène Estienne

spettacolo in francese con sovratitoli in inglese

TEATRO DELLA PERGOLA di Firenze e Officina Teatro ‘O

 Pergola_Stagione_2014-2015

Con particolare piacere comunichiamo una gradita conferma:

tra i teatri convenzionati con la Officina Teatro ‘O anche questo anno ci sarà il TEATRO DELLA PERGOLA di Firenze.

Non ci sono molti commenti da fare, cartellone interessantissimo e folto di spettacoli, attori e registi di primo livello. La mano di Gabriele Lavia è già evidente quindi non resta che andare a teatro! Qui sotto troverete il ricco cartellone, buona lettura.

Per le informazioni riguardo alla convenzione tra il TEATRO DELLA PERGOLA e la OFFICINA TEATRO ‘O per i nostri allievi ed associati per i singoli spettacoli potete contattare:

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

VolantinoFronte2014.01

PROGRAMMA STAGIONE 2014-2015 TEATRO DELLA PERGOLA di Firenze

 

24 ottobre/2 novembre
Fondazione Teatro della Pergola

Gabriele Lavia

SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE

di Luigi Pirandello

PRIMA NAZIONALE
4/9 novembre
Compagnia Gli Ipocriti e REP/Gruppo Danny Rose

Pierfrancesco Favino

SERVO PER DUE

One Man, Two Guvnors

di Richard Bean

tratto da Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni

FUORI ABBONAMENTO
11/16 novembre
Compagnia Orsini

Umberto Orsini

LA LEGGENDA DEL GRANDE INQUISITORE

da I fratelli Karamazov di Fedor Dostoevskij
20/22 novembre
Fondazione Teatro della Pergola in collaborazione con Romaeuropa Festival 2014

Quaternaire presenta Handspring Puppet Company

UBU AND THE TRUTH COMMISSION

ideato e diretto da William Kentridge

scritto da Jane Taylor

con i pupazzi di Adrian Kohler
Ubu and the truth commission
2/7 dicembre
Nuovo Teatro in collaborazione con Fondazione Teatro della Pergola

Stefano Accorsi

DECAMERONE

vizi, virtù, passioni

liberamente tratto dal Decameron di Giovanni Boccaccio

adattamento teatrale e regia Marco Baliani

PRIMA NAZIONALE
9/14 dicembre
TodoModo Music All

Flavio Gismondi, Arianna Battilana, Federico Marignetti, Tania Tuccinardi

SPRING AWAKENING

tratto da Risveglio di Primavera

di Frank Wedekind

regia Emanuele Gamba
16/21 dicembre
Oblomov Films Srl

Silvio Orlando

IL MERCANTE DI VENEZIA

di William Shakespeare

con la Popular Shakespeare Kompany

regia Valerio Binasco
Il mercante di Venezia
6/11 gennaio
Fondazione Teatro Stabile di Torino/ERT Emilia Romagna Teatro Fondazione

Giuseppe Battiston

FALSTAFF

da William Shakespeare

regia e adattamento Andrea De Rosa
13/18 gennaio
Sicilia Teatro

Sebastiano Lo Monaco, Mariangela D’Abbraccio, Turi Moricca

DOPO IL SILENZIO

tratto da Liberi tutti di Pietro Grasso

regia Alessio Pizzech
20/25 gennaio
Fondazione Teatro della Pergola/Nuovo Teatro

Vittoria Puccini

LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA

di Tennessee Williams

PRIMA NAZIONALE
27 gennaio/1 febbraio
Teatro Eliseo in collaborazione con Francesco Bellomo

Giuliana Lojodice

 

LA PROFESSIONE DELLA SIGNORA WARREN

di George Bernard Shaw

regia Giancarlo Sepe

3/8 febbraio
Teatro dell’Elfo

IMPROVVISAMENTE L’ESTATE SCORSA

di Tennessee Williams

regia Elio De Capitani
Improvvisamente l’estate scorsa
10/15 febbraio
Casanova Multimedia

Luca Barbareschi

CERCANDO SEGNALI D’AMORE NELL’UNIVERSO

di Luca Barbareschi

regia Chiara Noschese
17/22 febbraio
Teatro dell’Archivolto

Claudio Bisio

FATHER AND SON

ispirato a Gli sdraiati e Breviario comico di Michele Serra

regia Giorgio Gallione
24 febbraio/1 marzo
Golden Art Production

Alessandro Haber, Alessio Boni, Francesco Bonomo

IL VISITATORE

di Eric-Emmanuel Schmitt

regia Valerio Binasco
Il visitatore
4/8 marzo
Teatri Uniti

Toni Servillo, Peppe Servillo

LA PAROLA CANTA

con i Solis String Quartet

FUORI ABBONAMENTO
10/15 marzo
Teatro Stabile dell’Umbria/Fondazione Brunello Cucinelli

Anna Maria Guarnieri

SINFONIA D’AUTUNNO

di Ingmar Bergman

regia Gabriele Lavia
17/22 marzo
Teatro de Gli Incamminati/CTB Teatro Stabile di Brescia

Franco Branciaroli

ENRICO IV

di Luigi Pirandello

regia Franco Branciaroli
Enrico IV
24/29 marzo
Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti

Fabrizio Gifuni

L’INGEGNER GADDA VA ALLA GUERRA

o della tragica istoria di Amleto Pirobutirro

un’idea di Fabrizio Gifuni

da Carlo Emilio Gadda e William Shakespeare

regia Giuseppe Bertolucci
7/17 aprile
Teatro Stabile di Genova

Eros Pagni, Tullio Solenghi

IL TARTUFO

di Molière

versione italiana Valerio Magrelli

regia Marco Sciaccaluga
21/30 aprile
Teatro Franco Parenti

Filippo Timi

FAVOLA

C’era una volta una bambina. E dico c’era perché ora non c’è più.

uno spettacolo di e con Filippo Timi
14/20 maggio
Fondazione Teatro della Pergola

Gabriele Lavia

VITA DI GALILEO

di Bertolt Brecht

regia Gabriele Lavia

PRIMA NAZIONALE