Ultimi posti disponibili!

Ultimi posti disponibili per i corsi di teatro a Firenze

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

iscrizioni per l’anno 2019/2020

I anno corso base serale – 1 posto disponibile

I anno corso base ore 18,30 – esaurito

II anno corso avanzato – esaurito

III anno corso avanzato – esaurito

La Bella Età teatro per over 60 – 2 posti disponibili

 

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

www.teatroo.it

info@teatroo.it

officinateatroo.wordpress.com

Facebook

Instagram

 

PERCHE’ ISCRIVERSI AD UN CORSO DI TEATRO?

 

“Per poter dire allo specchio: ‘Beh, da te questa proprio non me l’aspettavo!’. E sorprendere se stessi è sempre una bella cosa.”

Andrea

“Per scoprire parti di te che altrimenti rimarrebbero nascoste.”

Letizia

È un esperimento meraviglioso. Alla fine sembra la chiave di tutto.”

Annalisa

“Per scoprire che quello che si pensa impossibile è invece possibile… e pure divertendosi con gli altri!

Marco

“Difficile da spiegare a chi non lo ha mai fatto. Soltanto chi ha frequentato un corso di teatro sa cosa si perderebbe a non fare un corso di teatro!

Matteo

Perché fare un corso di teatro è come mangiare la Nutella… Se lo provi non puoi più farne a meno!”

Francesca

La magia del teatro ti aiuta ad essere te stesso anche nella finzione.”

Elisa

“Perché iscriversi ad un corso di teatro in 3 parole? PERCHÉ TI CAMBIA.

Alessandra

GRATITUDINE! Come il teatro mi ha reso migliore

 

Lo spettacolo di stasera è stato l’ultimo di questa intensissima e meravigliosa stagione 2018/2019, della scuola di Officina Teatro ‘O.

Credo di non essermene voluta perdere nessuno, sono stata a vederli praticamente tutti… li ho studiati con cura uno ad uno, me li sono gustati dall’inizio alla fine e ho cercato di scoprirne i segreti… tutti estremamente diversi, specifici per le varie classi ma non sono mancati casi in cui addirittura gli allievi hanno superato qualsiasi aspettativa, veramente bravi e coinvolgenti!

Alcuni mi hanno catturato ed emozionato più di altri, per il tema trattato o per le scenografie create solo da pochi contrasti di luci e ombre, balli eclettici, bandiere gigantesche e colori, tutto studiato con semplicità, quell’essenzialità che non distoglie dai veri protagonisti, gli attori. Hanno regalato davvero allegria al pubblico, tutto sempre impeccabile, armonioso e di un eleganza sottile, moderna ed attuale.

La sensazione che ho percepito più di ogni altra era davvero l’entusiasmo, la vitalità, la forza, il vigore del divertimento di chi si apprestava a rappresentare le varie scene, donando al pubblico quel qualcosa in più, qualcosa di intimo e anche di molto personale.

Fotografandoli poi li ho immaginati dei “quadri viventi”: erano bellissimi quei corpi che si muovevano sul palco, si muovevano cadenzati avendo appreso sensibilmente tutto ciò che gli è stato trasmesso durante l’anno e fatto proprio, come una luce riflessa ancor più abbagliante.

Non mi è stato chiesto di fare una recensione ma quando scopri un mondo fantastico, pieno di energia, scintillante di luce, di magia e umanità non puoi fare a meno di aver la voglia di condividerlo e raccontarlo.

Ho scoperto quest’anno il teatro e non un teatro qualsiasi, ma il teatro di “Officina Teatro ‘ O”, quello che ti cambia nel tuo io più profondo per rinascere vivo come non lo sei mai stato. La scuola fondata sull’esperienza (più di 22 anni di passione per il Teatro e per il suo mondo misterioso) nata, voluta e sentita dalla competenza e dall’amicizia di due splendidi maestri, nonché attori, Torrini e Papini.

Io l’ho vissuto su me stessa, da allieva, internamente come un’esperienza catartica, purificatrice. Le emozioni si sono susseguite, sono scivolate fuori in maniera spontanea con la naturalezza di un bambino, ho pianto, ho riso e ho condiviso. Bisogna solo ringraziare e ammirare chi svolge un lavoro così profondo, chi umanamente e umilmente ti porge una mano ed è pronto a sostenerti davanti ai tuoi ostacoli (che poi sono spesso solo limiti mentali che credevi di dover mantenere saldi e che ti ancoravano e che ti costringevano a non volerti mai mettere in gioco per paura, per convenzione sociale o per chissà quale altro assurdo motivo ed invece qui trovi il coraggio) scopri le innumerevoli possibilità che ognuno di noi ha dentro di sé, se non si pone barriere, costrizioni sciocche che non permettono di volare.

Basta immergersi pochi attimi nella lettura degli innumerevoli commenti positivi degli ex allievi che fioccano ovunque su internet o in qualsiasi social network per sorprendersi dalla quantità spropositata di elogi sugli insegnanti, sui corsi, sugli stage. Emozioni scoperte, gente che li travolge d’affetto per un’unica e sola ragione: perché tutti hanno provato ciò che dico io su loro stessi, è un teatro magnifico, quello che ci piace e che non può non piacere perché è VERO!

Il Teatro è tutto, è davvero tutto tranne che finzione.

Il palco… ognuno lo vive e lo percepisce con la propria sensibilità. Per me è stato “fuoco”, un calore ardente del legno che ti toglie il fiato sotto le luci, che ti fa commuovere e a cui non puoi mentire. Nel buio più oscuro, intravedi le ombre (forse quelle che ti sei sempre portato dentro) percepisci i bisbiglii e il respiro del pubblico, poi d’improvviso tutto sparisce, non ci sei che tu, si amplifica il battito del tuo cuore e lo senti vivo e poi più niente, trovi dentro di te quella forza, quella sana naturalezza e grandiosità della complicità con i tuoi compagni ed è qui che inizia il vero divertimento!

Mi domando perché ho atteso così tanto a decidermi ad intraprendere questa meravigliosa avventura. Mi domando come si possa permettere che un’arte così straordinaria non sia insegnata obbligatoriamente nelle scuole ai bambini, ai ragazzi che hanno bisogno di conoscersi, di scoprirsi e di plasmarsi come futuri uomini e donne.

“L’arte dell’io, l’arte di noi stessi” il teatro ti permette di conoscerti intimamente e di riconoscerti in mezzo agli altri, impari a capirti e ad amarti senza giudicarti.

Sperimenti emozioni e comprendi di più non solo te stesso ma anche le persone che ti circondano, ti scopri anche più generoso e disponibile a regalare ciò che porti dentro perché capisci che se non lo condividi è come non averlo.

Continuerò ad imparare dal Teatro perché non voglio smettere di sorprendermi proprio ora che grazie a lui mi sono ritrovata una persona migliore di prima.

Una sola parola può esprimere tutto ciò che sento: “GRATITUDINE”.

Grazie, grazie di cuore a Leonardo Torrini e Paolo Papini che hanno messo a disposizione la loro Arte, perché l’arte è eterna e con la loro professionalità, umanità, semplicità e disponibilità ci hanno insegnato a tornare anche un po’ bambini, più spontanei ed ad essere noi stessi, l’essenza pura di noi!

 

S

Perché non ho partecipato prima?! Esperienze di uno Stage di Teatro

IMG_6696

Partecipare allo stage della Officina Teatro ‘O si è rivelato una di quelle cure a efficacia cento per cento. Divertimento totale, emozione profonde, messa alla prova, senza trascurare tutti gli aspetti tecnici interessanti… gli effetti si sono visti su tutti i partecipanti! Tutti sono risultati ‘liberi’, tutti sono usciti dal quotidiano esprimersi… ciò è stato evidente soprattutto quando poi recitavamo, ho visto gli altri così espressivi, mai banali, quasi geniali…
Lo stare insieme, l’esperienza della ricerca espressiva, il fuori ordinario weekend, hanno reso ancora un po’ più difficile il lunedì… volevo di nuovo l’adrenalina dello stage!

Samantha

Gratificata e contenta. Così la stanchezza davvero non l’ho sentita oggi a lavoro, né la sento adesso. Un’esperienza intensa, formativa, emozionante, bella. Una nuova e insolita consapevolezza di te stesso, del tuo corpo e delle tue emozioni. La voglia di esprimere ed esprimersi. La consapevolezza che abbiamo i mezzi per farlo e non li usiamo perché dimentichiamo di averli… o forse neppure ce ne accorgiamo. La inaspettata libertà di prendersi cura di se stessi attraverso il teatro! Inizio a capire meglio quanto il teatro sia dare e quanto noi invece siamo abituati a chiedere.

Tiberia

Comincerei proprio dal rientro. Soddisfazione, pienezza, gioia. Sono solo alcune delle sensazioni che avevo dentro quando sono andato a letto. La cosa ancora più bella è che il giorno dopo al risveglio erano ancora lì a farmi apprezzare la vita.
Lo stage è stato bellissimo. Ho visto me stesso e gli altri mettere in pratica le cose imparate durante l’anno di corso e durante lo stage stesso, con una naturalezza impressionante.
La creatività tirata fuori da tutti mi ha emozionato e mi ha fatto riflettere su quante cose belle ci sono in ognuno di noi e su quanto il teatro sia uno strumento meraviglioso. Mi sono anche chiesto come sia possibile che abbia aspettato tutti questi anni per farlo. Ma ogni cosa ha il suo tempo.
Poi che dire del resto.
Gli insegnanti della Officina Teatro ‘O sono stati magnifici, ci hanno condotto in luoghi fantastici, a volte immaginari a volte concreti e profondi. Il gruppo era splendido, siamo tornati tutti bambini e abbiamo giocato al gioco della finzione divertendoci da morire. Questo si percepiva nell’aria. C’era una atmosfera di gioco e di gioia. Di complicità. C’era passione in voi maestri ed in noi.
Per tutto questo vi ringrazio.

Pietro

IMG_6593
Sono rientrata nella routine con un’energia che non avevo da tempo. Essermi presa cura di me mi ha riempito di voglia di dare agli altri e voi sapete quanto viene chiesto dalla vita ad ognuno di noi. Sono stati due giorni intensi, fisicamente, soprattutto emotivamente… ma rifarei tutto subito! Grazie per tutto e per avermi fatto sentire di nuovo me stessa.

Liza

È proprio bello tenere la testa fuori!

Oggi ci pensavo…
Perché fare teatro?
Bella domanda!

Quando mi è stato detto:
“sai cosa potresti fare… Teatro!”
La mia risposta è sta irremovibile in quel momento…
“CHI IOOOOO!? Non ci penso neanche, MAI! Stiamo scherzando… ”

Oggi faccio teatro.
Da non credere… eppure non potrei aver fatto scelta migliore.

Molte persone lo fanno per potere essere qualcos’altro, un’altra persona.
Io oggi posso realizzare ed affermare di averlo fatto per poter essere finalmente più me stessa.

Si lo so, può sembrare assurdo ma è così. Ho guardato per anni quelli intorno a me che non avevano timore nel mettersi in gioco e stare al centro dell’attenzione, di scherzare… si perché alcune persone si trattengono per non esporsi, per il rischio di poter essere al centro dell’attenzione che può essere un disagio, per il rischio di provocare una risata che non è di divertimento ma che provoca vergogna, imbarazzo.

Non rischi, non ti esponi, non sapendo che facendo ciò ti proteggi ma ti privi di talmente tante cose che lo capisci solo quando ti liberi del guscio da tartaruga che ti porti sulle spalle e che ti faceva nascondere la testa… invidiando chi la teneva fuori.

Oggi posso dire che fare teatro ti libera da tante cose che forse non pensavi fossero privazioni, impari ad essere te stesso senza farti tanti problemi, ti metti in gioco.

 

Perché non è mai troppo tardi per giocare

Perché non è mai troppo tardi per giocare da soli e con gli altri

Perché ti vedi in modo diverso e sei diverso con te stesso e con gli altri

Perché impari tanto dagli altri e da te stesso

Perché quel guscio te lo porti dietro ma non è sempre indispensabile

 

 

È proprio bello tenere la testa fuori!

LB

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Ultimissimi posti disponibili!

foto-1Ultimissimi posti disponibili per i corsi di teatro a Firenze

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Corsi di livello base – 3 posti disponibili

Corsi di livello avanzato – 2 posti disponibili

Laboratorio Shakespeare – COMPLETO

La Bella Età teatro per over 60 – COMPLETO

 

iscrizioni anno 2017/2018 aperte per il mese di ottobre

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

PERCHE’ ISCRIVERSI AD UN CORSO DI TEATRO?

 

1

“Per poter dire allo specchio: ‘Beh, da te questa proprio non me l’aspettavo!’. E sorprendere se stessi è sempre una bella cosa.”

 2

“Per scoprire parti di te che altrimenti rimarrebbero nascoste.”

3

È un esperimento meraviglioso. Alla fine sembra la chiave di tutto.”

4

“Per scoprire che quello che si pensa impossibile è invece possibile… e pure divertendosi con gli altri!

5

“Difficile da spiegare a chi non lo ha mai fatto. Soltanto chi ha frequentato un corso di teatro sa cosa si perderebbe a non fare un corso di teatro!

6

Perché fare un corso di teatro è come mangiare la Nutella… Se lo provi non puoi più farne a meno!”

7

La magia del teatro ti aiuta ad essere te stesso anche nella finzione.”

8

“Perché iscriversi ad un corso di teatro in 3 parole? PERCHÉ TI CAMBIA.

CUT-etere

OFFICINA TEATRO ‘O

di Paolo Papini e Leonardo Torrini

presenta

CUT-etere

ovvero bella m***a

 

Commedia assai brillante in due atti in cui l’apparenza inganna ed è a sua volta ingannata

 

un amore difficile tra una ragazza ed un “uomo” molto particolare, alieni infelici in fuga verso un mondo migliore, una famigliola come tante con un SEGRETO tremendo ed ingombrante (?!) bizzarri animali simili ad uomini, tre personaggi disposti a tutto pur di trovare il loro autore e fargliela pagare a caro prezzo, terribili esperienze da vivere in diretta e improbabili quanto inconfessabili delitti, un nano molto sensibile in cerca di dignità, il sogno stralunato di un Kafka mai rappresentato e rappresentabile e visioni notturne pericolosamente annacquateil tutto servito con canzoni e paillettes.

 

Il vero spirito della commedia brillante dove tutto sembra ciò che non è.

 

 

Giovedì 15 Giugno ore 21.15
TEATRO REIMS
Via Reims, 30 angolo Via Gran Bretagna (zona Gavinana) Firenze

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Info e prenotazioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

L’ATTESA – Si nasce tutti pazzi, qualcuno lo rimane

OFFICINA TEATRO ‘O
di Paolo Papini e Leonardo Torrini
presenta

L’ATTESA
Si nasce tutti pazzi Qualcuno lo rimane

 

Commedia in due atti dove si evince che:

 

La vita è dolore, un dolore costante, sempre presente e immutabile? ASSOLUTAMENTE (NO e SI’)

La vita è solitudine, noia, ripetizione degli stessi gesti? FORSE, FORSE, FORSE… FORSE

L’uomo non sa nulla della vita, vive disperso in un universo spazio temporale che non conosce? ASSOLUTAMENTE (SI’ e NO)

L’uomo non ha più riferimenti, non ha più un dio, è solo di fronte all’ignoto? DIO MIO, PROPRIO NON SAPREI

 

L’uomo, soprattutto, attende

 

Martedì 13 Giugno ore 21.15

TEATRO L’AFFRATELLAMENTO

Via Giampaolo Orsini 73 Firenze

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Info e prenotazioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

FRAMMENTI – piccole tragiche commedie quotidiane

 

OFFICINA TEATRO ‘O
di Paolo Papini e Leonardo Torrini
presenta

FRAMMENTI
piccole tragiche commedie quotidiane

Commedia tragica in due atti

 

Cinque scene di vita vissuta sdrammatizzate fino al riso, dissacrando solitudini, relazioni, sessualità irrisolte, egoismo, narcisismo, nevrosi ed ogni piccola e grande mancanza di comunicazione.

Il tradimento come filo conduttore delle nostre piccole esistenze stonate.
Giovedì 8 Giugno ore 21.15

TEATRO AFFRATELLAMENTO

Via Giampaolo Orsini 73 Firenze

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Saggi saggi saggi!

In un solo fine settimana ben tre saggi spettacolo degli allievi dei corsi La Bella Età – teatro per over 60 a Firenze

 

Sabato 13 maggio ore 21 Teatro Reims di Firenze

STRANI EQUIVOCI sciocchezzuola per 8 personaggi

PICCOLI DELITTI breve interludio per 3 sole voci

UNA SCIOCCHEZZA IRRIMEDIABILE falso dramma per 13 personaggi

Domenica 14 maggio ore 16.30 Teatro Reims di Firenze

AVVOLTI&DISINVOLTI

ovvero

UN FALLIMENTO DI GROSSO SUCCESSO

atto unico in 13 improbabili scene

Domenica 14 maggio ore 21 Teatro Reims di Firenze

UN MARZIANO A FIRENZE

finzione o realtà?

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Info e Prenotazioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Tornare viva dalla guerra: la mia prima volta sul palco


Cinque anni fa la nostra allieva Nayade debuttava in teatro, queste le sue sensazioni di allora che ci appaiono, ancora oggi, preziose per chi ancora non ha calcato la scena.

Buona lettura.

 

 

E quasi dopo un mese mi sono decisa a scrivere due parole sulla mia prima volta sul palco… Cosa dirvi? L’ho vissuta così, come una PRIMA VOLTA. E come tutte le prime volte, fa un po’ paura, incuriosisce, ti chiedi se sarai all’altezza, ti chiedi se dovresti essere lì o avresti fatto meglio a fare un corso di macramè, ti chiedi, ti chiedi…

Ma finalmente arriva il 13 maggio, quella data che vedevi tanto lontana e per cui hai fatto tante prove e sinceramente ero contentissima che fosse arrivato il giorno. A differenza delle prove che non ho vissuto sempre in un modo tranquillo, forse perché ho sempre odiato il mio personaggio che invece, all’improvviso, ho amato nel momento dello spettacolo!
Era come se mi fossi rifiutata di guardarla e improvvisamente ci fossimo guardate agli occhi e ci fossimo capite!

Uno dei momenti più belli è stato prima dello spettacolo, quando eravamo tutti insieme a rilassarci, a respirare, sentire il gruppo…

E potrei raccontare tante cose su quest’anno di teatro, del gruppo, dei proff, di quanto mi ha dato, e quanto mi abbiano fatto sentir viva, ma mi hanno detto di raccontare le sensazioni del palco, e sarà meglio che cominci…

Il palco: amore a prima vista; ma è possibile? Sarò davvero io a camminare su quel legno che suona ad ognuno dei miei passi? E quelle luci calde, ma di un caldo accogliente, illumineranno me ed i miei amici?! Mi sento come una bambina davanti a Disneyland…

E si apre il sipario, sento una mia compagna recitare, lo spettacolo è cominciato! Ancora non ci credo… cerco un mio posto tra quelle quinte strette, non so dove mettermi, tra breve devo uscire! Sono stati i tre secondi più lunghi mai vissuti… mi rendo conto che sono fuori, le calde luci accoglienti si sono trasformate in un forno e, anche se non vedo nessuno, sento degli occhi anonimi puntati su di noi…E mi rendo conto che quella gente si aspetta che io parli (mannaggia, perché non ho fatto un corso di mimo? altro che macramè…) ed io, che di solito non sono una che si aspetta di essere ascoltata, ancora un po’ stupita della nuova situazione, dico le mie prime parole forse un po’ troppo velocemente per farlo passar presto… lo so, non si fa… ma così è andata… Ma la cosa migliore è stata l’uscita… con quella caduta improvvisa! Stranamente mi ha fatto divertir tanto, rilassarmi, e da quel momento in poi ho iniziato a divertirmi, e tanto! Alla fine dello spettacolo ero proprio a mio agio.

Ma non è stato solo quando ero io sul palco. Seguire i tuoi compagni, ascoltarli dietro le quinte, dir le battute mentalmente con loro, perché le hai sentite talmente tante volte che le sai anche te… Rispondere alle domande di quelli non usciti ancora: Allora com’è? Si vede la gente? E ti guardano come se fossi tornata viva da una guerra… allora c’è speranza!

Riassumerei il tutto in praticamente 6 secondi… i primi 3 interminabili, in cui vedi l’abisso ma una volta che ti butti cominci a volare; gli ultimi 3 secondi, quando è finito lo spettacolo, te ancora voli ma è il momento di atterrare… scendi e quegli occhi prima anonimi ora si mostrano affettuosi con facce e corpi conosciuti.

E per finire, la parte più bella: gli abbracci con i tuoi compagni ed i proff (a qualcuno è toccato pure prendermi al volo…) tutti sorridenti e ancora increduli che tutto sia passato così velocemente.

A me rimane un sapore dolceamaro, la gioia e la tristezza che il sipario si sia chiuso, e con quello i giovedì sera a lezione alla Officina Teatro ‘O.

 

Nayade

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Nel weekend mi rotolo e divento acqua

foto-1

“… Sabato sera esci con noi?”

“Non posso, sabato e domenica ho una stage!”

“Uno stage??!! ma tu non hai un negozio?… ”

“…”

 

stage

[, freq. ma impropria la pr. ingl.] s.m. fr. (pl. stages); in it. s.m. inv. (o pl. orig.)

• • Periodo di formazione e di apprendistato, dopo gli studi o prima di un’assunzione, che si trascorre in un ufficio, in un reparto, in una scuola o sim. per imparare l’attività o la professione che vi si svolge SIN tirocinio; anche, seminario di aggiornamento
…già, aprendo il dizionario non c è dubbio.

lo stage fa parte del mondo del lavoro…

per una persona normale!

 

Ma d’altronde si sa , chi frequenta un corso di teatro proprio tanto normale non è!

 

… una parola banale, un termine che sembra scontato o comunque con un significato chiaro e distinto in realtà per l’attore non è altro che un PRETESTO.

una chiave di lettura che nasconde al suo interno migliaia di mondi…

PERIODO DI FORMAZIONE… il significato di questa frase non ha dubbi, già!

la parola periodo non fa altro che scandire una definizione di tempo… ma forse non è così.

Il dizionario stesso dice che la parola periodo ha molteplici significati.

per esempio; in chimica si dice che il periodo sia: Ciascun gruppo di elementi compreso tra due elementi chimicamente simili.

Io non credo di essere un chimico ma so per certo che questi due elementi CHIMICAMENTE SIMILI, hanno un nome proprio: Paolo e Leonardo

il gruppo di elementi compresi tra essi penso abbiano all’incirca 24 nomi distinti.

… esaminando poi la parola FORMAZIONE il dizionario cita le seguenti  parole:

creazione, nascita.

beh… provate a mettere insieme 24 ingredienti, come farebbe un grande chef . So che può essere un po’ un azzardato mescolare tutti questi ingredienti ma trovando il legante giusto, il risultato può essere straordinario!

“L’alta cucina non è una cosa per i pavidi, bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero, chiunque può cucinare ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi.”

… e non lo dico io, lo dice Ratatouille! (se non sapete di cosa sto parlando, guardate qualche cartone animato!)

ma torniamo a noi

… SI TRASCORRE IN UN UFFICIO , IN UN REPARTO, IN UNA SCUOLA ECC , provate a mettere tutti questi elementi insieme , so per certo che il primo luogo che vi viene in mente è la scuola di magia di Hogwarts , quella di Harry Potter per intenderci. (…già forse sono l’unico a cui viene in mente questo luogo… bah)

… Un posto magico dove gli studenti possono imparare la magia, affrontare le loro paure più oscure e creare pozioni che donano una sfrenata allegria… beh vi assicuro che questo luogo esiste davvero, si fanno vere magie ci si trova faccia a faccia con le nostre paure e si piange dal ridere… non si trova in Inghilterra o in foresta incantata ma a RIGUTINO!!!

Forse sto esagerando… sto rasentando la follia

o forse… ho passato due giorni a dare piena libertà al mio corpo e alla mia mente ed ora sento la necessità in qualche modo di prolungare questo senso di libertà!

Domani purtroppo ricomincia la settimana e la routine di tutti i giorni, verrò castrato dal mio stesso corpo, non potrò rotolarmi per terra con una maschera sul volto, non potrò fingere di essere qualcun altro, non potrò morire a causa di ossa di pollo, non potrò avere una sorella matta, non potrò essere acqua, vento, verde e marrone!

so per certo però che in una piccola stanza racchiusa tra il cuore e la mente è rimasto tutto questo e quando gli altri non mi vedono, posso tirare fuori ogni singolo pezzo e ricominciare a giocare!

 

Diego

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Ultimissimi posti disponibili!

foto-1Ultimissimi posti disponibili per i corsi di teatro a Firenze

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

 

III anno corso avanzato – completo

II anno corso avanzato – completo

I anno corso base – 2 posti disponibili

Laboratorio Garcia Lorca – 1 posto disponibile

La Bella Età teatro per over 60 – completo

 

iscrizioni anno 2016/2017 aperte per il mese di ottobre

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

PERCHE’ ISCRIVERSI AD UN CORSO DI TEATRO?

 

1

“Per poter dire allo specchio: ‘Beh, da te questa proprio non me l’aspettavo!’. E sorprendere se stessi è sempre una bella cosa.”

 2

“Per scoprire parti di te che altrimenti rimarrebbero nascoste.”

3

È un esperimento meraviglioso. Alla fine sembra la chiave di tutto.”

4

“Per scoprire che quello che si pensa impossibile è invece possibile… e pure divertendosi con gli altri!

5

“Difficile da spiegare a chi non lo ha mai fatto. Soltanto chi ha frequentato un corso di teatro sa cosa si perderebbe a non fare un corso di teatro!

6

Perché fare un corso di teatro è come mangiare la Nutella… Se lo provi non puoi più farne a meno!”

7

La magia del teatro ti aiuta ad essere te stesso anche nella finzione.”

8

“Perché iscriversi ad un corso di teatro in 3 parole? PERCHÉ TI CAMBIA.

Ultimi posti disponibili! Corsi Officina Teatro ‘O

post wp

Ultimi posti disponibili per i corsi di teatro a Firenze

 

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro dal 1996

le iscrizioni per l’anno 2016/2017 sono aperte per tutto il mese di ottobre

I anno corso base – 4 posti disponibili

II anno corso avanzato – esaurito

III anno corso avanzato – esaurito

Laboratorio Garcia Lorca – 3 posti disponibili

La Bella Età teatro per over 60 – 4 posti disponibili

 

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

 

PERCHE’ ISCRIVERSI AD UN CORSO DI TEATRO?

 

1

“Per poter dire allo specchio: ‘Beh, da te questa proprio non me l’aspettavo!’. E sorprendere se stessi è sempre una bella cosa.”

 2

“Per scoprire parti di te che altrimenti rimarrebbero nascoste.”

3

È un esperimento meraviglioso. Alla fine sembra la chiave di tutto.”

4

“Per scoprire che quello che si pensa impossibile è invece possibile… e pure divertendosi con gli altri!

5

“Difficile da spiegare a chi non lo ha mai fatto. Soltanto chi ha frequentato un corso di teatro sa cosa si perderebbe a non fare un corso di teatro!

6

Perché fare un corso di teatro è come mangiare la Nutella… Se lo provi non puoi più farne a meno!”

7

La magia del teatro ti aiuta ad essere te stesso anche nella finzione.”

8

“Perché iscriversi ad un corso di teatro in 3 parole? PERCHÉ TI CAMBIA.

Sbagliare tutto: in teatro si può!

rizFare teatro per la prima volta mi ha fatto ritornare bambino, una specie di gioco a nascondino

in cui tutti quanti in un primo momento ci siamo nascosti nella nostra ‘tana’, per poi uscire e rientrare a turno a seconda dell’atto in cui recitavamo: recitare è significato vivere anche solo per una sera questa seconda vita per quel personaggio che era parte di te, che a dire il vero a distanza di una settimana ancora non riesci a mandare via, ti guardi allo specchio, ammicchi, gesticoli, canticchi.

A me non ha messo tantissima tensione fino al momento che sono capitato proprio dietro a quella quinta pronto ad entrare in scena, per un istante ho pensato che avrei potuto bloccarmi e sbagliare tutto, ma cosi’ non e’ stato… spero di aver strappato almeno qualche sorriso!

Francesco

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione Corsi

Mercoledì 5 Ottobre 2016 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Basta! Adesso mi butto

mich-giannettiAdesso basta, mi butto. Io mi butto sempre. Qualcosa accadrà ed in qualche modo farò.

Mai dimenticherò l’ansia dei momenti che precedono l’inizio dello spettacolo… Dire che la prima cosa che mi viene in mente è l’ansia può sembrare banale, ma l’ansia non è mai banale… perché lì ci sei tu, con la tua faccia, le tue paure e le tue insicurezze… le parole bisbigliate a voce bassa nei camerini, gli amici che nel frattempo si accomodano sulla poltrona più vicina per poterti vedere meglio ed i miei compagni di avventura che sembrano essere tutti più tranquilli di me.

Il momento si avvicina; Paolo e Leonardo fantastici come sempre mentre cercano di tranquillizzarci ed improvvisamente ecco il coraggio! Adesso basta, mi butto, io mi butto sempre, qualcosa accadrà ed in qualche modo farò. Tocca a me, le luci su me, gli occhi della gente su di me! Ma lì con me ci sono i miei compagni ed insieme a loro realizzo il sogno di una vita.

E’ andata bene, ma tutto sommato poteva andare meglio… potevo essere più brava, più spigliata e più espressiva… ma non importa, ho fatto del mio meglio, volevo superare un mio limite e l’ho fatto. E per questo sono soddisfatta. In attesa di ricominciare, di ritrovare tutti i miei compagni e di un nuovo copione da imparare, per cancellare quel senso di vuoto che sento adesso dentro.

Michela

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Quella SANA TREMARELLA che ti fa sentire VIVO!

foto (3)L’esperienza che ho vissuto su quel palco è stata un frullatore di emozioni…

Rabbia: Nella prova di qualche ora prima dove tutto è andato storto, come se le prove fatte per mesi fossero svanite in un sol momento

Emozione: Quella sana tremarella che ti fa sentire che sei vivo

Gioia: Nel vedere che tutti gli sforzi fatti sono stati ripagati dai sorrisi dei tuoi compagni e di tutte le persone hanno fatto parte di questa esperienza

Tristezza: Come? è già finito!!!!

Un cammino nel suo insieme che mi ha fatto ancor di più crescere a livello personale, sociale e spirituale, conscio che anche questa esperienza come altre nella vita non ci capitano mai per caso ma per imparare una nuova lezione.

Un ringraziamento va agli insegnanti che con la loro professionalità e passione rendono possibile tutto questo e ai mie compagni di viaggio che hanno vissuto con me questa luminosa e vibrante esperienza

Gianni

 

Che dire della straordinaria esperienza vissuta con la scuola di teatro Officina Teatro’O e con i miei magnifici compagni? Finalmente ho vissuto di persona i magici momenti che precedono l’uscita sul palco e la sensazione che dà il primo contatto con il pubblico. E la cosa più straordinaria di tutto questo è che incredibilmente una volta sul palco mi sono sentita a mio agio come se fosse saltata fuori una parte di me che non credevo esistesse! Impressione confermata dai vari amici venuti a sostenermi: mi hanno addirittura paragonata al dottor Jekyll e mister Hyde dicendo che sul palco mi trasformo!

Paola

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

Presentazione Corsi

Mercoledì 5 Ottobre 2016 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Amabile figlio di puttana – quando ero libero di dire qualunque cosa

IMG_0490MERAVIGLIOSO ESPERIMENTO

Inizialmente ho disprezzato il mio personaggio, quando ho letto le prime volte il copione, l’ho giudicato talmente lontano da me, dai miei modi, dai miei valori, tanto da non capire come avrei mai potuto interpretarlo. poi…

Con il passare delle settimane, ho sentito sempre più il bisogno di difendere il mio personaggio, di proteggerlo… Nel momento in cui me ne sono levato le vesti, la maschera, mi è rimasto un senso di vuoto, la sensazione di averlo tradito, rinnegato.

Forse farà sorridere chi mi leggerà, ma alla fine ho amato quell’odioso pavone, forte con i deboli e debole con i forti, traffichino ed egoista, diverso anni luce da quello che io sono realmente e dai miei valori, ma purtroppo o per fortuna, sento che ormai lui faccia parte di me.

Mi ha regalato una delle emozioni più travolgenti della mia vita e sensazioni di libertà e affrancamento da alcune delle mie paure e debolezze.

Grazie a Lui sono più libero e più sicuro di me stesso. Come non amarlo!

Infatti, sul palco teatrale, come per magia, mi sono sentito libero di dire qualunque cosa, in qualunque modo o forma, ho sentito che, volendo, potevo esprimere tutto me stesso.

Ogni volta, che da spettatore ho visto gli attori muoversi sul palco, così vicini da sapere di poterli toccare con le mani, vivere le loro smorfie, sentire le loro passioni, provare le loro emozioni, in un certo senso avrei voluto salire anche io su quel palco con loro, e forse con la mente per un istante l’ho fatto! Questa secondo me è la grande magia del Teatro.

Che strana sensazione, quando tutto è finito!

Bisogna tornare alla realtà, uscire da quel corpo.

È come risvegliarsi da un letargo, e faticosamente ricongiungersi con la realtà che mi circonda.

Poi, la voglia rifarlo, la malinconia derivante dalla paura di non riprovare più le emozioni della prima, la speranza che ogni volta sia come la prima volta.

Grazie Zorapide, amabile personaggio figlio di puttana;

Grazie Maestri, plasmatori di materia amorfa;

Grazie compagni di corso, gran bella gente;

senza di voi non avrei mai potuto conoscere e apprezzare questo bel Mondo…

…e adesso, che si fa?

 

Giuseppe M.

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

 

Presentazione Corsi

Mercoledì 5 Ottobre 2016 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Un’avventura da rifare

 TER

La prima volta sul palco, lo spettacolo mi è sembrato durare veramente tre soli secondi

Bello! E’ stato davvero forte! Mi sono divertito molto!

Pensavo di trovarmi molto pesante sul palco invece mi sentivo piuttosto leggero, le battute mi partivano a razzo dalla bocca e lo spettacolo mi è sembrato durare veramente tre soli secondi.

F.

 
Bellissima avventura, iniziata per scherzo. Compagni di viaggio giovani ma questo non mi ha impaurito. Il testo del saggio? Divertente. Le macchine umane? Ci siamo divertiti tantissimo. Grande soddisfazione la sera dopo lezione da punch e judy (il pub) . Siamo stati bravissimi. E adesso facciamo il toto classifica. Il più bravo? Io naturalmente. Il più simpatico? Mmmh.. Ci sono diversi ex equo… Avventura da rifare? Di sicuro!!!!! Arrivederci!!!

Sara

 

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

VolantinoFronte.WEB

Presentazione Corsi

Mercoledì 5 Ottobre 2016 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Piccola rivoluzione – ovvero Come il teatro mi salvò la vita

fotoErano i primi anni 2000. Ricordo quei giorni come fossero soltanto ieri. Se guardo il calendario mi accorgo invece che stiamo parlando di più di 10 anni fa… acc, una vita. Ma si sa che i ricordi più indelebili sono quelli legati a momenti particolari.

A quel tempo non avevo il fidanzato, avevo un mutuo da pagare ed un lavoro da impiegata che non solo mi opprimeva senza appassionarmi ma che sentivo essere l’unica cosa importante nella mia vita (bella contorta eh?) . Ma la sensazione più forte che ricordo è che mi sentivo parecchio fragile. Insomma non avendo un carattere forte che si impone a lavoro subivo e a casa ero sola. A quel tempo l’unica cosa che mi faceva stare meglio era andare in palestra e sudare e faticare e soprattutto non pensare.

Nella mia palestra iniziò un corso di arti marziali e pensai di provarlo. La prima lezione fu durissima. La ricordo bene perché alla fine uscii di palestra con un terribile mal di stomaco. Avendo nausea e voglia di vomitare mi appoggiai ad una rete proprio fuori dalla palestra in una corte interna dove non era facile essere visti. Appoggiata a quelle rete e in preda ai crampi la mia attenzione fu attirata da una grande O rossa scritta su un volantino che era in terra. So che non è una bella immagine ma se penso a come mi ha cambiato la vita quello strano e fortunato incontro, posso solo sorridere…

Andai alla presentazione di questa scuola di teatro e mi iscrissi. Il fidanzato non l’ho trovato, in compenso ho conosciuto Brecht e Lorca e Shakespeare ed il teatro dell’oppresso e posso affermare con tutta tranquillità che mi hanno salvato la vita, soprattutto in ufficio dove ho smesso piano piano di subire e basta. Grazie teatro, grazie a tutte le persone che ho incontrato in quegli anni e che mi hanno aiutata (inconsapevolmente) a mettere in moto la mia piccola rivoluzione.

A.

Officina Teatro ‘O scuola di recitazione dal 1996

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O

Io super eroina (ma mi sbagliavo)

giu

E pensare che all’inizio molti degli esercizi mi sembravano fatti per un branco di pazzi…

Quando ho iniziato il corso sono arrivata con l’idea che facendolo sarei stata subito in grado essere più forte e sicura di me un po’ come se fossi una super eroina e questo pensiero mi veniva dato dalle mie piccole esperienze precedenti, ma mai pensiero fu più sbagliato. All’inizio molti degli esercizi mi sembravano fatti per un branco di pazzi che a fine giornata si vogliono sfogare.

Poi con l’improvvisazione ho scoperto quali erano i miei limiti e lì l’idea iniziale è svanita. Qualche volta ho pensato di mollare perché non mi sentivo all’altezza, non mi sentivo cosi brava da poter continuare il corso ma poi mi sono detta che cosi non avrei ottenuto nessuna soddisfazione e più aumentava la complessità degli esercizi più li prendevo come sfida personale che volevo superare, finché non ho imparato ad abbandonarmi cerando di non pensare troppo come ci dicevano sempre i nostri insegnanti e lì ho realizzato che le capacità le avevo e dovevo solo avere la pazienza di tirarle fuori come mi hanno spronato a fare anche indirettamente.

Grazie a questo corso mi è stata data la possibilità di conoscere un gruppo di persone che nonostante le differenze erano pazze e desiderose di salire su un palco quanto me. Grazie di questa bella esperienza!

Giulia

Officina Teatro ‘O – scuola di teatro a Firenze dal 1996

 

Presentazione Corsi

Mercoledì 5 Ottobre 2016 ore 21.30

NEWSTAZ Via Attavante 5, Firenze

Info ed iscrizioni

Telefoni: 055 4684591 – 328 2793144 – 339 3318580

Sito: www.teatroo.it

Mail: info@teatroo.it

Blog: officinateatroo.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/pages/Officina-Teatro-O